A- A+
Roma
Murano, vetro come arte: colore e design si fondono. Mostra a Villa Torlonia

di Maddalena Scarabottolo

A Roma, presso la Casina delle Civette di Villa Torlonia, il vetro dell'azienda Fratelli Toso di Venezia acquista nuova vita. 50 opere scrivono la storia della famiglia tra arte, colori e design.

 

“La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980”, presso la Casina delle Civette di Villa Torlonia fino al 15 settembre, concede un assaggio del magico mondo del vetro. Una produzione artistica determinata da un grande sforzo fisico e una grande passione nel preservare la tradizione. L'esposizione itinerante, curata da Caterina Toso e Ivano Balestrieri, ha lo scopo di far scoprire al pubblico la storia e le tecniche di una delle più antiche e prestigiose vetrerie di Murano. Le opere esposte sono tutti pezzi unici e  rari in quanto esemplari concepiti per esposizioni internazionali, come ad esempio la  Biennale di Venezia del 1934.

L'eleganza, l'innovazione delle forme e la capacità attrattiva dei colori rispecchiano l'unicità di questi capolavori.

Ermanno Toso, Pollio Perelda e Rossana Toso sono le firme che arricchiscono l'esposizione. Maestri-designer che si sono distinti tra gli anni trenta e gli anni ottanta del Novecento per essere riusciti a creare un'evoluzione sia a livello artistico sia del gusto. Nelle teche sono infatti esposti tutti esemplari dalle forme moderne e contemporanee che mostrano comunque un forte  legame con la tradizione dell'antica arte vetraria.Fiore all'occhiello della mostra è una selezione di murrine di fine Ottocento che spazia dagli esemplari cosiddetti a “millefiori” o “millepunti” fino ai più innovativi “kiku”.

E' proprio il recupero di questa antica tecnica, risalente ai Fenici e agli Alessandrini, che nel corso dell'Ottocento diventa arte pura e il simbolo dei Fratelli Toso.

Secondo il recente lavoro di digitalizzazione dell'intero archivio e patrimonio dell'azienda è emerso che la campionatura delle murrine consta di circa 600 esemplari, oltre ai 30.000 disegni e migliaia di foto, cataloghi e documenti: un corpus che lascia il segno per l'importanza del valore artistico e della memoria storica.

A questo proposito Maria Grazia Massafra, Responsabile del Museo della Casina delle Civette, sostiene che “questo progetto arricchisce la storia della produzione del vetro oltre ad essere perfettamente organico rispetto alle collezioni del museo e al materiale fornito dalla biblioteca”.

In occasione della mostra sono state organizzate delle visite guidate con Caterina Toso, storica del vetro ed erede della collezione e dell'archivio della Fratelli Toso, nelle giornate di sabato 25 maggio, sabato 15 giugno e sabato 14 settembre alle ore 11. Inoltre sabato 22 giugno e sabato 7 settembre, sempre alle ore 11, sarà allestito un laboratorio didattico rivolto ai bambini.

Ulteriori informazioni sono consultabili su: www.museivillatorlonia.it

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    muranovetro di muranoartecoloredesignmostravilla torloniacasina delle civetteroma



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
    Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.