A- A+
Roma
Novità nella basilica di Sant'Agostino: c'è una corona di rami di rose d’oro

Una corona di rami di rose fusa nell’oro e sospesa in aria, il simbolo di una storia umana di dolore personale che, trasfigurata nell’arte, diventa universale. Questa è Stabat Mater Dolorosa, l’installazione di Giovanni Manfredini con il contributo di Ennio Morricone, che da oggi sarà visibile all’interno della Basilica di Sant’Agostino in Campo Marzio.

Un’opera esaltata dalla musica del maestro Morricone, che ha dedicato all’installazione un suo brano originale, La via della croce, in un felice connubio di arte, suoni e parole per un percorso di profonda introspezione. Le parole sono infatti dello Stabat Mater di Jacopone da Todi, recitato dalla suora Anna Maria Canopi.

Una operazione fatta all’insegna del dialogo sempre costante tra arte antica e contemporaneità come sottolinea il Soprintendente Speciale Daniela Porro: "Con questa installazione, impreziosita dalle musiche del grande Ennio Morricone, si consolida la vocazione di questa Soprintendenza alla contaminazione tra le arti di diverso genere. Una fusione resa ancora più eccezionale dalla sacralità del luogo che ospita l’opera".

Un progetto coordinato dalla Soprintendenza e abbracciato con entusiasmo dall’Ordine di Sant’Agostino, come si può cogliere dalle parole pronunciate dal Priore Provinciale, Padre Giustino Casciano: “Osserviamo la corona d’oro sospesa in aria incuriositi. La musica del sommo maestro Ennio Morricone ci avvolge. Le parole dello Stabat Mater di Jacopone da Todi penetrano nel cuore”.

Una scelta non casuale quella della Basilica di Sant’Agostino in Campo Marzio, oggetto di un importante restauro da parte della Soprintendenza Speciale di Roma, diretto dall’architetto Alessandro Mascherucci: “L'opera di Manfredini troverà collocazione nello straordinario contesto della cappella dei Santi Agostino e Guglielmo, decorata da Giovanni Lanfranco all'inizio del XVII secolo, uno dei tanti tesori di Sant’Agostino. La Basilica, innalzata in epoca rinascimentale, custodisce capolavori di varie epoche e vivrà presto un rinnovato splendore, grazie a un grande restauro che ha interessato importanti sezioni dell'edificio e significative opere conservate al suo interno”.

L’istituzione promotrice del progetto, in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini, è la Fondazione casa dello spirito e delle arti, che si fa testimone di un sodalizio umano e artistico tra Arnoldo Mosca Mondadori, presidente della Fondazione, il maestro Ennio Morricone e l’artista Giuseppe Manfredini, già fautori, insieme, di opere sacre e a sfondo umanitario.

Commenti
    Tags:
    basilica sant'agostinocorona di ramigiovanni manfrediniopera d'artestabat mater dolorosa


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    La transizione energetica sprona il business di Sorgente Group
    Carlo Petagna*
    "È ossessionato....". Salvini zittisce (ancora) Letta
    La Budapest comunista e i ladri italiani di opere d’arte

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.