A- A+
Roma
Omicidio a via Margutta: il giallo che sfiora la Chiesa e la massoneria

di Patrizio J. Macci

Il romanzo di Giancarlo Capaldo, che dopo quasi mezzo secolo ha appeso la toga al chiodo per raggiunti limiti di età, è un'opera di fantasia che ricorre però alla sua esperienza e alla sua memoria di magistrato. Molte vicende e molti personaggi hanno tratto ispirazione diretta dalla sua lunga esperienza nelle aule di giustizia.

Il protagonista, un principe romano - ha dichiarato Capaldo - è stato ritagliato su due persone esistenti, una delle quali molto conosciuta nella Capitale. Pochi sono quelli che riusciranno a dargli nome e cognome, anche se la copertina del volume suggerisce una traccia. E’ un giallo al quadrato quindi ambientato in una Roma magnifica, lercia e corrotta, permeata da una bellezza perversa e ammaliatrice. Politici, finanzieri, imprenditori, prelati, massoni, magistrati, agenti segreti, donne fatali e lascive.

Capaldo nella sua lunga carriera è stato responsabile della Direzione distrettuale antimafia di Roma e del pool antiterrorismo, autore di importanti indagini sull’eversione nera, i desaparecidos dell'America Latina, il sequestro Orlandi, la banda della Magliana, gli scandali della P3 e quelli di Finmeccanica e Telecom-Fastweb. Un giallo con una struttura complessa limato secondo le regole classiche del canone, tempestato da improvvisi colpi di scena.

Scritto nei mesi del lockdown forzato, vede come protagonista una coppia di principi intraprendenti e annoiati che per passare (anzi ammazzare) il tempo si dedicano, appunto, ai morti ammazzati: Gian Maria Ildebrando Del Monte di Tarquinia, instancabile giocatore di golf, amante del pericolo e di automobili lussuose, e la meravigliosa Gloria Palazzoli, insofferente alle regole e al protocollo formale dell’alta società. Con loro il fedelissimo Oliver, maggiordomo inglese, già alle dipendenze di Buckingham Palace, che si distingue per il suo rigore estetico in salsa british.

Il terzetto precipita in una serie di delitti brutali, che né la polizia né la magistratura riescono a risolvere: l'evento scatenante è l’omicidio durante un vernissage in via Margutta di una contessa amica del principe.

Il cuore pulsante della storia è proprio via Margutta, la "strada degli artisti", da sempre l'arteria romana con il maggior numero di atelier d'arte e dove parecchi pittori hanno deciso anche di vivere. Non sfuggirà al lettore attento una eco della pasta dei migliori Fruttero & Lucentini d’annata.

Capaldo ha già dichiarato che tornerà sul luogo del delitto anzi del romanzo con un seguito. Del resto la Chiesa romana apostolica sopravviverà anche a personaggi come il cardinale che l’autore chiama Anonimo. Un innominato innominabile tutto da leggere.

Giancarlo Capaldo

I DELITTI DI VIA MARGUTTA

CHIARELETTERE DICEMBRE 2020

Commenti
    Tags:
    via marguttaomicidioi delitti di via marguttagiancarlo capaldoromanzoromanzo gialloomicidio romacaso orlandimassoneriap3delitto romapatrizio j. macci



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
    Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.