A- A+
Roma
Ostia, ultimo colpo all'impero Balini. Sequestri per 50 milioni di euro

La Guardia di finanza di Roma impegnata nell'operazione 'ultima spiaggia' ha sequestrato un'ulteriore, importante quota del patrimonio riconducibile all'imprenditore di Ostia Mauro Balini, 51 anni, già destinatario, nei mesi scorsi, del sequestro di beni per un valore di oltre 460 milioni di euro.

 


Nel dettaglio, il provvedimento riguarda l'intero capitale sociale e patrimonio aziendale di una società, con sede nella capitale, esercente l'attività di "costruzione di edifici residenziali e non residenziali", e 320 tra appartamenti, negozi, terreni, box e posti auto, a Roma e in provincia di Rieti, per un valore di circa 50 milioni di euro. L'imprenditore è noto alle cronache giudiziarie per essere stato coinvolto in indagini della procura di Roma per associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, riciclaggio, impiego di proventi illeciti e intestazione fittizia di beni (operazione 'portus Romae' dell'estate scorsa).

All'operazione, spiegano gli investigatori, hanno contribuito i risultati di recenti indagini dirette dalla Direzione distrettuale antimafia capitolina e riguardanti i fenomeni criminali che hanno interessato il litorale di Ostia. Più in particolare, gli approfondimenti legati alla operazione 'Tramonto', condotta nei confronti del clan criminale Fasciani, egemone ad Ostia, che ha portato, nel marzo 2014, all'esecuzione di 16 arresti e al sequestro di beni per oltre 6 milioni di euro, e ancor prima, all'operazione 'Nuova Alba', nel cui contesto emergevano le connivenze di Balini con esponenti delle organizzazioni malavitose operanti sul litorale e l'esistenza di un ambiente economico finanziario all'interno del quale agivano appartenenti alla criminalità organizzata interessati ai rilevanti investimenti che si stavano realizzando nel territorio di Ostia Lido per l'ampliamento del porto turistico. Proprio quest'ultimo, insieme ad alcuni stabilimenti balneari ('Hakuna Matata', 'Plinius' e 'Anema e Core' - quest'ultimo attualmente concesso in locazione a terzi), costituivano il centro dei principali affari gestiti dall'imprenditore, attraverso una serie di società sottoposte a sequestro a luglio.

In sintesi, l''ultima operazione ha consentito di accertare come a Balini risultasse riferibile anche il noto "Residence Porto di Roma", nelle vicinanze del porto di Ostia. Nel dettaglio, è stata rilevata l'assoluta anomalia della complessa operazione commerciale che aveva portato, nel tempo dapprima, alla vendita per soli 5 milioni di euro dei terreni su cui è poi sorto il complesso, da parte della fallita Ati Spa alla sequestrata Porto di Roma Immobiliare srl e da quest'ultima, dopo solo un mese, alla Porto di Roma Residence srl al prezzo di 14 milioni di euro; pià di recente, nel giugno 2015, alla locazione del ramo di azienda relativo alla gestione dell'intero complesso residenziale da parte della Porto di Roma Residence srl ad altre società (Immobiliare del Tirreno e Immobilgest 2010 srl) sempre riferibili a Balini al prezzo irrisorio di 25.000 euro annui.

Tags:
ostiamauro baliniporto di romaguardia di finanza
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Tavolini salva Covid per ristoranti: Raggi fa dietrofront: “Si può fare ma”

Tavolini salva Covid per ristoranti: Raggi fa dietrofront: “Si può fare ma”

i più visti
i blog di affari
Società Umanitaria. Cyberbullismo tra lockdown e iperconnessione. 8 giugno
Paolo Brambilla - Trendiest
Naspi: dimissioni, fine contratto, licenziamenti. I casi in cui si ha diritto
di Gian Paolo Valcavi
Ascolti tv, la d’Urso pronta a ripartire con quattro programmi da settembre
Francesco Fredella

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.