A- A+
Roma
Piano rifiuti di Roma, l'ex sindaco Alemanno assolto dalla Corte dei Conti

La Corte dei Conti di Roma ha pienamente assolto dalle accuse sul Piano rifiuti di Roma l’ex-sindaco Gianni Alemanno, insieme all’allora assessore all’Ambiente Marco Visconti e ai due dirigenti del settore Tommaso Profeta e Fabio Tancredi.

I due politici e i due dirigenti amministrativi erano stati chiamati in giudizio per un presunto danno erariale di 1.351.713 euro perché, secondo la procura di viale Mazzini, il Patto per Roma siglato con il ministero dell'Ambiente nel 2012 non era stato rispettato.

In realtà tutta l’accusa del pm Rosa Francaviglia si era basata, come è stato riconosciuto dai giudici dalla Corte dei Conti, su un equivoco nel computo della raccolta differenziata annuale negli anni dell’amministrazione Alemanno (e successivamente anche in quella dell’Amministrazione Marino e Raggi).

“Sono particolarmente felice di questa sentenza – ha dichiarato l’ex sindaco Gianni Alemanno – non solo per le conseguenze di giustizia contabile, ma soprattutto perché ci rende giustizia dal punto di vista politico e amministrativo. Durante la nostra Amministrazione la raccolta differenziata nella Capitale venne quasi raddoppiata, passando dal 19% al 30,2%, un balzo in avanti mai registrato né prima né dopo i nostri anni. Solo la faziosità di certa opposizione politica e sociale, amplificata acriticamente da alcuni settori della stampa, poteva negare questa evidenza, riportata in tutte le statistiche ufficiali del settore. Quello che colpisce è che la Procura contabile abbia preso per buone queste illazioni aprendo un procedimento su cui è stata messa oggi la parola fine dai giudici della Corte dei conti. Un passo dopo l’altro anche i Tribunali rendono giustizia agli sforzi fatti dalla nostra Amministrazione”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    piano rifiutipiano rifiuti romapiano rifiuti alemannoalemannogianni alemannomarco viscontidanno erarialerifiutirifiuti romacorte dei conti



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Dentro la pandemia, le complessità del mercato del lavoro
    Green Pass, non è scienza se censura l'interlocutore
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.