A- A+
Roma
Prostitute a lavoro in tanga e reggiseno: multate perché senza mascherina

Prostitute a lavoro sui marciapiedi di San Paolo in tanga, reggiseno e un mini giacchetto: per la Polizia non c'è problema, salvo quello che le meretrici sono in strada senza mascherina violando così le disposizioni del Governo Conte.

Nel corso dell’attività di controllo a tutela della sicurezza sulle grandi infrastrutture di trasporto del collegamento urbano, vicino la stazione della Metro B fermata Basilica di San Paolo e in piazza Bartolomeo Romano, i poliziotti hanno controllato 14 prostitute a lavoro: nessun richiamo per le “signorine” riguardo il loro outfit, ma cinque di loro sono state sanzionate in quanto non indossavano la mascherina, con tre a cui è stato notificato l’ordine di allontanamento. Sanzionato anche un cliente poiché non indossava la mascherina di protezione individuale.

Inoltre, in largo Beato Placido Ricciardi e via Corinto, zona di “Movida”, gli agenti hanno identificato 151 persone, di cui 39 stranieri e 23 con precedenti di polizia.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    prostitute romaprostituteprostituzioneobbligo mascherinepoliziamultacoronavirus



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani
    Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
    di Avv. Maria Grazia Persico*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.