A- A+
Roma
Ragazze belghe uccise dal pirata della strada sull'A24: Wibe Bijls era incinta

Jesse Dewildeman e Wibe Bijls sono state travolte da una Smart mentre tentavano di soccorrere i feriti di un tamponamento sulla Roma-Aquila. Le due turiste sono morte sul colpo e il pirata della strada, che è fuggito a piedi, si è fatto accompagnare a casa dopo l'omicidio. Indagini in corso su un sospettato complice.

Le due turiste belghe, 24 e 26 anni, erano Italia per un viaggio regalato da un cliente dell'azienda dove lavorava Jessy, quando un 45enne pregiudicato le ha uccise sulla carreggiata dell'A24 all'altezza dello svincolo di Tor Cervara. Wibe Bijls, come racconta il fratello disperato, era incinta e aspettava un bambino da sedici settimane.

“Mia sorella era incinta”, la disperazione del fratello

Le due ragazze erano migliori amiche e, da quanto raccontato dal fratello di Wibe Bijls, la 26enne aspettava un bambino, incinta di sedici settimane. La turista belga era chef in un ristorante a Menen, nelle Fiandre occidentali, mentre l'amica Jessy Dewildeman era collaboratrice domestica. Al momento dell'impatto, il corpo di Jessy è volato accanto alla Panda dei feriti cui stavano offrendo soccorso, mentre Wibe è stata sbalzata sulla corsia opposta. Nell'incidente, i due uomini a bordo della Panda sono rimasti feriti e ricoverati in codice rosso al San Giovanni, mentre non è in gravi condizioni la donna che era a bordo della Ford Fiesta. "Ora ci auguriamo almeno di trovare un giudice che applichi il massimo della pena previsto", ha commenta l'avvocato Domenico Musicco, presidente di Avisl Onlus.

“L'uomo si è fatto accompagnare a casa”: si indaga sul complice

Il pirata della strada è una 45enne pregiudicato che ora è denunciato per omicidio plurimo stradale e omissione di soccorso. L'uomo, dopo aver travolto e ucciso le due ragazze, si è infatti dato alla fuga a piedi riuscendo a raggiungere il suo appartamento in tempi sospetti, che portano a indagare su un possibile complice che possa averlo accompagnato. L'auto-killer non era intestata a lui e dalla Smart sono state rilevate impronte e tracce di dna, mentre sono al vaglio le telecamere dell'autostrada per chiarire la dinamica dell'impatto.

Il lutto dal Belgio

Oltre alla disperazione del fratello di Wibe, il cordoglio e il dolore arrivano anche da Casa Mundo, il ristorante dove lavorava come cuoca Wibe Bijls, che la ricorda come “sorridente, l'amica di tutti, la cuoca che ha preparato piatti deliziosi per voi”. “Quando pensi che il peggio sia arrivato, ti succede questo”, scrive invece una delle tre sorelle su Instagram: Wibe aveva perso entrambi i genitori in situazioni tragiche, la mamma sette anni fa per un tumore e il padre lo scorso anno per un incidente in scooter. Jesse Dewildeman lavorava invece come collaboratrice domestica, amava viaggiare e “adorava anche il fitess”, come ricorda il fratello Jason sui social ripostando una foto insieme alla sorella da bambino.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
compliceindaginiomicidiopirata della stradaturiste belghe






La sexy follia delle casalinghe della borghesia romana, programma tv cult

La sexy follia delle casalinghe della borghesia romana, programma tv cult


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.