A- A+
Roma
Rebibbia, detenuti diventano pugili: corso di boxe. Sindacati contro Bonafede

Detenuti a scuola di pugilato: succede nel carcere romano di Rebibbia, dove la direzione del penitenziario ha deciso di organizzare un corso di boxe per i carcerati. Una decisione che fa a “cazzotti” con le sempre maggiori aggressioni che si registrano ai danni degli agenti penitenziari e che ha mandato su tutte le furie i sindacati.

“E' assurdo. Piuttosto che trovare soluzioni idonee agli eventi critici che sistematicamente si verificano nelle carceri, piuttosto che impiegare i detenuti in opere di recupero ambientale (come la pulizia delle spiagge, dei sentieri, degli alvei dei fiumi, dei giardini pubblici) per trovare soluzione all’ozio penitenziario nel quale i ristretti stanno 24 ore al giorno, a Rebibbia si pensa a mettere i detenuti in condizione di imparare le migliori tecniche per magari aggredire i poliziotti. Chiedo l’intervento del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede che disponga la revoca di questa scellerata decisione”, denuncia in una nota il segretario generale del sindacato Sappe, Donato Capece.

Il leader del sindacato sottolinea quindi che “gli eventi critici contro gli appartenenti alla Polizia penitenziaria sono aumentati in maniera spaventosa. Siamo passati dalle 378 aggressioni agli agenti del primo semestre 2019 ai 502 del successivo semestre, dai 737 ai 1.119 telefonini rinvenuti e sequestrati ai detenuti, dalle 477 minacce-violenze-ingiurie alle 546, dalle 3.819 alle 4.179 manifestazioni di protesta. Senza dimenticare le recenti rivolte in oltre trenta strutture detentive sull’intero territorio nazionale, con circa 60 poliziotti penitenziari feriti e contusi, 13 detenuti morti per abuso di farmaci (9 a Modena e 4 a Rieti), interi reparti detentivi devastati, incendiati e distrutti, agenti sequestrati, maxi evasioni, fuoco e fiamme un po’ ovunque. E tutto questo - osserva Capece - in assenza di provvedimenti utili a garantire la sicurezza e l’incolumità del personale di Polizia penitenziaria".

Il sindacato Sappe - assieme al Sap della Polizia di Stato, Sim Carabinieri, Sim Guardia di Finanza, Conapo Vigili del Fuoco, e Libertà e Sicurezza Polizia di Stato Les – ha organizzato, per il prossimo 14 ottobre, una manifestazione nazionale in piazza del Popolo a Roma: "scenderemo in piazza tutti insieme - spiega il sindacato di Polizia penitenziaria - per manifestare il dissenso verso chi ci ha lasciato senza tutele di fronte a problemi sempre più complessi e rivendichiamo tutele e garanzie funzionali nuovi strumenti che migliorino il nostro servizio bodycam e taser su tutti nuovi protocolli operativi e soprattutto tutele legali. Altro che corsi di pugilato per i detenuti di Rebibbia!”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    rebibbiacarcere rebibbiadetenutidetenuti rebibbiacorso boxepugilatosappedonato capecebonafedepolizia penitenziariaagenti aggreditiaggressioni carceri




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, Raggi assume i "trombati" del M5S: da attivisti a consulenti del Comune

    Roma, Raggi assume i "trombati" del M5S: da attivisti a consulenti del Comune

    i più visti
    i blog di affari
    Milano “Museo a cielo aperto”. Il dibattito suscitato da Milano Vapore
    Greta V. Galimberti - Trendiest
    Utilizzo dei VPN: sicurezza, privacy e statistiche
    Redazione
    Patrimonio aziendale: proteggerlo ora per non rischiarlo in futuro
    Gianluca Massini Rosati

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.