A- A+
Roma
Recovery Plan: "Basta chiacchiere da salotto, i romani meritano rispetto"

di Giuliano Pacetti *

Recovery plan, è giunta l’ora del fare. Basta chiacchiere, aspettiamo posizioni pubbliche del Presidente del Consiglio Conte e di tutti i partiti presenti in Parlamento, nessuno escluso. Roma e i romani meritano rispetto. Dico a Crimi, a Zingaretti, a Salvini, a Meloni e agli altri capi partito che affollano sala e salette parlamentari, che monopolizzano la presenza televisiva, che dicono e promettono cose che poi non mantengono, che non bastano più segnali, ma azioni concrete.

Dipende solo da loro? Certamente no, serve anche una posizione chiara e decisa del Presidente del Consiglio. Quel Giuseppe Conte che ultimamente ha avuto modo di affermare, rispondendo alla domanda di un giornalista: “Ci sono dossier che si trascinano da anni. Aspettavate me per risolverli?”.  Nel caso di Roma, diciamo a Giuseppe Conte che sì, aspettavamo proprio lui, al quale mai è mancata la nostra fiducia.

Siamo consapevoli, come afferma il Presidente Conte, che Alitalia è importante, in quanto vettore di bandiera e che Ilva, con il suo carico straordinario di problematiche, lo è ancora di più. Siamo consapevoli che il CoVid-19 è una battaglia dura che toglie energie a tutti. In particolare al Presidente Conte che alla fine si fa carico di prendere decisioni difficili a tutela della salute di tutti gli italiani. 

Capiamo tutto questo, ma l’occasione di un intervento statale a favore di Roma è veramente storica e la politica, come ama dire il Presidente Conte, deve assumersi le responsabilità di decidere. Da qui a febbraio 2021 ci sono tutti gli spazi e i tempi per evitare a Roma la solita marginalizzazione. E il Movimento5Stelle nazionale deve farsi carico delle necessità di Roma e dei romani. Se gli altri partiti si mettono di traverso, pazienza. Sarà la storia a condannarli come coloro che non hanno consentito a Roma di essere alla pari con le altre capitali europee. Si tratta di portare avanti e sostenere nelle aule parlamentari due prerogative essenziali al funzionamento della città: poteri di intervento e aiuti adeguati al ruolo di Capitale del Paese.

E non ci sono scuse che tengono: da quando Virginia Raggi è Sindaca di Roma la macchina amministrativa è tornata a funzionare, si fanno gli appalti e l’azione di contrasto alla criminalità è sotto gli occhi di tutti. Se non altro si mostri rispetto a chi per difendere e rappresentare la propria città vive sotto scorta.

A Crimi, Zingaretti, Salvini, Meloni e il resto dei capi partito, che hanno in mano le sorti dell’Italia, ricordo che la città grazie a Virginia Raggi si è scrollata di dosso l’epiteto di “Roma ladrona” e oggi può a buon diritto rivendicare attenzione. Anche perché l’immagine della Capitale è l’immagine del Paese.

Ai miopi della politica, a coloro che non hanno uno sguardo presbite neanche a pagarlo oro, mi permetto di ricordare che in tema di trasferimenti ai comuni Roma prende circa un terzo di quelli di Milano (900mila euro per Km2 Roma e 2milioni e 600mila euro Milano) e poi gli si chiede di migliorare la mobilità, di avviare una rigenerazione urbana, di rafforzare le strutture turistiche e i presidi culturali, di migliorare il ciclo dei rifiuti e di essere più accogliente. Ogni mattina Roma accoglie, oltre alla nutrita pattuglia politica fatta di parlamentari e portaborse, una città di pendolari di oltre 300mila persone che alla sera fa ritorno a casa.  Ed offre a tutti i servizi di accoglienza.

Lo scorso 8 settembre, intervistato da Maria Latella alla festa dell’unità di Modena, il Presidente del Consiglio Conte, rispondendo a domande sul Recovery Plan, fu categorico nel dire che ci sarebbe stato un Progetto importante anche per Roma. Lo abbiamo preso in parola e abbiamo inviato progetti e importi di spesa ed ora la città Capitale d’Italia aspetta risposte: dal Governo e da tutti i partiti presenti in Parlamento.

I gruppi politici capitolini sono tutti concordi sulle misure da prendere per la Roma che verrà, a prescindere da chi sarà a governarla. I gruppi politici nazionali (sembrerebbe) altrettanto.  Dalle parole si passi allora ai fatti, perché i giri di walzer e gli interessi di bottega a pagarli non sarà Roma, ma l’Italia intera.

* Capogruppo del Movimento 5 Stelle in Assemblea Capitolina
e Consigliere delegato dell’Area Metropolitana di Roma

Commenti
    Tags:
    recovery planromacomune romam5sgiuliano pacettivirgnia raggicontecrimisalvinimeloni


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Elezioni Roma, testacoda 5 Stelle. Raggi sfida il Pd; Lombardi con Zingaretti

    Elezioni Roma, testacoda 5 Stelle. Raggi sfida il Pd; Lombardi con Zingaretti

    i più visti
    i blog di affari
    Anche se l'inflazione cresce, è ancora troppo presto per preoccuparsene
    Di Alessandro Parravicini
    Draghi: svolta radicale nella lotta al Covid-19, ma restano domande irrisolte
    Massimo Puricelli
    Ascolti tv, Signorini fa tremare il commissario Ricciardi
    Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.