A- A+
Roma
Ristoranti Roma, con il Coronavirus arriva l'invasione delle ultrapedane

Il via libera dato dal Comune di Roma per dare più spazi e occasioni d'incasso ai ristoranti in ginocchio per la pandemia di Coronavirus, come sempre è stato vittima dell'interpretazione alla “romana”, dando linfa a una nuova categoria: i montatori di pedane. Arrivano nella notte, e al mattino il lavoro è completo.

Il Genio Pedanieri lavora solo ed esclusivamente con manodopera extracomunitaria che segue alla lettera le indicazioni e in poche ore si impadronisce del suolo pubblico e monta la pedana. Anche se il ristorante, come accade purtroppo in questi giorni, è chiuso. Ma ciò che conta è farsi trovare pronti con la pedana per la riapertura, grazie all'assenza di controlli. Infatti basta un'autocertificazione il cui modulo è disponibile sul sito del Comune di Roma e il gioco è fatto. L'anello debole della catena è sempre quello dei controlli, altrimenti non si spiegherebbe come mai un bar in via della Giuliana, nel quartiere Prati, sia riuscito a montare una pedana su una fermata Atac, roba che a un'automobilista distratto basterebbe sfiorare la striscia gialle per rimediare una super multa con annessa decurtazione dei punti patente.

Ma dove la fantasia-disperazione dei ristoratori si supera è in Borgo. Qui in via Porcari non c'è alcun locale per la somministrazione, eppure c'è una pedana che sembra in uso a un laboratorio di catering che lavora in un seminterrato e che al Catasto non risulta avere i requisiti per una pedana. Due casi eclatanti e significativi che testimoniano la facilità con cui il Genio Pedane agisce in barba a ogni legge e puntando tutto sull'inesistenza dei controlli e sulle maglie larghe del Comune che non ha previsto nessun tipo di controllo o obbligo di pulizia nella parte sottostante il camminamento.

E per ora usi e abusi sono tutti gratis, grazie all'iniziativa di sostegno varata da Roma Capitale. Ma a fine pandemia e con la pedana abusiva ormai storicizzata, basterà pagare il canone di occupazione di suolo pubblico per trasformarle in definitive. In un colpo solo chi per anni ha richiesto la cosiddetta Osp si troverà un ampliamento dello spazio disponibile per i tavolini. Con buona pace di chi magari non ha autocertificato nell'epoca del tutto gratis in deroga, solo perché non aveva tutti i requisiti. Fatta la legge, trovato l'inganno. E con i vigili urbani addormentati, è l'occasione per una nuova colonizzazione dei pochi spazi in cui si combatte l'eterna battaglia tra auto e pedoni.

Commenti
    Tags:
    ristoranti romacoronavirusroma


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Minori e Web: uso, abuso e pericoli: il vortice delle challenge di Tik tok
    Covid, coprifuoco? Lo specchio dell'autoritarismo sanitario
    Di Diego Fusaro
    Da Ceferin (Uefa) a Grillo, l’uso corretto o no del web
    Di Ernesto Vergani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.