A- A+
Roma
Rocca di Papa, 3 indagati per esplosione al Comune: disastro colposo e lesioni

Esplosione Rocca di Papa, la Procura di Velletri ha iscritto 3 persone nel registro degli indagati: sono il rappresentante della ditta appaltatrice, un tecnico e un geologo. Per il procuratore Prete l'accusa è di disastro colposo e lesioni.

 

Tre persone sono state iscritte sul registro degli indagati dal procuratore di Velletri, Francesco Prete, con le accuse di disastro colposo e lesioni (gravi o gravissime) in relazione all'esplosione avvenuta lunedì mattina a Rocca di Papa, località ai Castelli Romani, durante i carotaggi sulla pavimentazione di corso Costituente. Si tratta del legale rappresentante di una ditta appaltatrice di Frosinone, del tecnico geologo incaricato dei lavori (i due sono fratelli), e del geologo cui il Comune aveva affidato le indagini geognostiche.

Lunedì, durante le trivellazioni, gli operai della ditta hanno causato la rottura accidentale di una conduttura del gas che ha generato poi l'esplosione. I tre, allontanatisi da Rocca di Papa, erano stati rintracciati nel pomeriggio dai carabinieri della Compagnia di Frascati all'altezza di Isernia e invitati a far rientro subito ai Castelli Romani per essere ascoltati in caserma. A causa della deflagrazione sono rimaste ferite 16 persone, di cui 3 sono ancora ricoverate in prognosi riservata in ospedale. Tra queste c'è anche il sindaco di Rocca di Papa, Emanuele Crestini.

Rocca di Papa, il sindaco Crestini e la bimba ferita restano in ospedale

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    rocca di papaindagatiprocura di velletriprocuradisastro colposolesioniesplosionecomune



    Marcia dei no green pass su Roma: la Prefettura pronta a vietare il raduno

    Marcia dei no green pass su Roma: la Prefettura pronta a vietare il raduno

    i più visti
    i blog di affari
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia
    Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.