A- A+
Roma
Roma, esplode la rabbia Ncc: petardi sotto al Senato durante la protesta

Continua la protesta per le strade di Roma da parte degli Ncc contro il dl semplificazioni. La presidente del Senato ha giudicato ammissibile al voto dell'Aula l'emendamento contenente “misure urgenti in materia di autoservizi pubblici non di linea”. Davanti a Palazzo Madama esplosi diversi petardi.

 

“Governo del cambiamento paga cambiale elettorale ai tassisti. Rischio chiusura per 80 mila imprese”. Con questo slogan gli Ncc, noleggio con conducente, tornano in piazza a protestare contro una norma che non risolve il problema creato dal decreto sugli autoservizi pubblici non di linea che obbliga il rientro in rimessa alla fine di ogni corsa. I noleggiatori, le cui delegazioni provengono da tutta Italia, manifestano per tutelare la loro attività e chiedere una norma "seria" che tenga conto delle esigenze della categoria e non "violi i principi di tutela della concorrenza".

"Doveva essere il governo del cambiamento e invece guarda qua", racconta Lucio, che ha una licenza rilasciata dal Comune di Tivoli e aspetta insieme ai colleghi l'approvazione del dl Semplificazioni, dove dovrebbe esserci la norma che riscrive le regole per i noleggiatori. Da elettore del Movimento 5 stelle Lucio non è contento e pensa, come le altre decine di colleghi in attesa a piazza Vidoni, a pochi metri dal Senato, che questa sia una "soluzione inaccettabile" per chi è da vent'anni sulla strada.

Ancora più agguerrita Angela, in cooperativa da circa 30 anni, che e giudica questo modo di intendere il lavoro "retrogrado" e spiega: "Oggi si fa tutto con le app e invece ci vogliono relegare a dei confini stretti. Mi sembra assurdo che questa visione sia imposta da dei giovani al governo".

"Io lo faccio per i miei tre figli. Non voglio dimostrare niente a nessuno", dice da parte sua Marco Palumbo, uno dei tre noleggiatori da una settimana in sciopero della fame. Arriva da Palermo e in queste ore è diventato il leader della protesta e invita tutti a "non mollare la piazza", convinto che questo sia "il punto di partenza per arrivare altrove".

Alcuni manifestanti si sono spostati proprio davanti al Senato. Almeno duecento persone hanno occupato corso Rinascimento e hanno fatto esplodere diversi petardi, mentre carabinieri e agenti della polizia in assetto antisommossa presidiano l'ingresso principale di Palazzo Madama.

Commenti
    Tags:
    nccdl semplificazionisenatopetardiprotestamanifestazione


    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Comunali Roma, il dato è tratto: contro Raggi, in campo Bertolaso e Calenda

    Comunali Roma, il dato è tratto: contro Raggi, in campo Bertolaso e Calenda

    i più visti
    i blog di affari
    Il grande cuore di Aviva Wines, ecco l’iniziativa solidale con Fedez
    Francesco Fredella
    Vaccini per riaprire la propria attività. La strategia dell'ordine dominante
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    L’arte di Street Wall Gallery colora non solo le vie di Milano con IGPDecaux
    Paolo Brambilla Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.