A- A+
Roma
Scandalo rifiuti: l'imbarazzo di Lombardi, le accuse della Lega a Zingaretti

Il nuovo scandalo rifiuti che investe la Regione Lazio provoca l'imbarazzo del neoassessore alla Transizione ecologica Lombardi, e contestualmente le accuse della Lega al Governatore Zingaretti che, dicono i salviniani alla Pisana, "non deve fare lo struzzo".

"Apprendiamo con sconcerto degli arresti legati alla gestione del ciclo dei rifiuti che coinvolgerebbero, tra gli altri, un dirigente della Regione Lazio. Confidiamo nella giustizia e nelle Autorità giudiziarie affinchè siano accertate e approfondite tutte le dinamiche e le eventuali ramificazioni di questa vicenda". Comincia con una reazione di prassi, la nota congiunta di Roberta Lombardi e Valentina Corrado, rispettivamente assessora alla Transizione ecologica e assessora al Turismo ed Enti locali della Regione Lazio in quota M5s. Entrambe appena entrate nella giunta Zingaretti rispetto alla quale erano all'opposizione, si trovano subito a fare i conti con una vicenda spiacevole, - culminata per ora negli arresti domiciliari nei confronti di Flaminia Tosini, dirigente della Regione Lazio, e di Valter Lozza, amministratore di due società chi operano nel settore dello smaltimento rifiuti - che tocca rufiuti e ambiente, argomenti caldi per i grillini. 

"Purtroppo non è la prima volta che nel Lazio, e nelle altre regioni d'Italia, la gestione dei rifiuti presenta delle zone d'ombra in cui sembrerebbe caratterizzarsi non come un servizio pubblico per i territori e i cittadini ma come un business in favore di interessi particolaristici a detrimento della collettività e dell'ambiente", continuano. Poi la solita utopia, quella di trattare i rifiuti non con gli impianti ma con gli slogan: "Oltre al rispetto delle regole, ai controlli e agli strumenti messi in campo dalle Autorità competenti, il miglior antidoto contro queste disfunzioni croniche del settore è capovolgerne a monte il paradigma di gestione, passando dall'attuale sistema basato sulla produzione e movimentazione dei rifiuti a un nuovo modello, basato innanzitutto sulla riduzione dei rifiuti e sull'economia circolare. Un processo di riconversione in cui sarà fondamentale il contributo degli Enti locali del Lazio ai fini di incentivare una maggiore partecipazione, responsabilizzazione e trasparenza", sostengono.

Ma nel frattempo l'opposizione va all'attacco. Dice il gruppo della Lega in Consiglio regionale con una nota congiunta: ''Si sono continuate ad aumentare le volumetrie senza senso nel Lazio, a partire dai casi della Sep di Pontinia e della discarica sull'Ardeatina a Roma nonostante l'inchiesta della Direzione distrettuale Antimafia con il serio rischio di inquinamento delle falde acquifere. Potremmo continuare sul sistema fallimentare dei rifiuti, su cui la Regione Lazio non intende né valorizzare il rifiuto, ad esempio utilizzando i termovalorizzatori di ultima generazione, né risolvere l'emergenza con la realizzazione di impianti pubblici, anzi ha chiuso quelli di Lazio Ambiente malgrado i milioni di euro buttati per il revamping. Il presidente Nicola Zingaretti - prosegue la nota - era a conoscenza di questo scempio e, oltre ad non aver ascoltato l'opposizione, dovrebbe dare forse qualche risposta ai contribuenti del Lazio, le cui scelte, insieme a quelle del sindaco Virginia Raggi, pesano come un macigno nei portafogli. Con buona pace dei grillini zingarettiani dell'ultima ora e del plauso dell'assessore Enrica Onorati al Dirigente regionale finito ai domiciliari sull'ambiente''. La maledizione della monnezza, a Roma e nel Lazio, continua da lustri. Talvolta sfociando persino nel giudiziario, di norma restando in una dannosa malagestione.

Commenti
    Tags:
    scandalo rifiutilombardilegazingaretti


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Separazione e conto corrente cointestato: come gestire i risparmi rimanenti
    Di Rebecca Sinatra *
    AstraZeneca, stop definitivo in Danimarca
    Si infiamma lo scontro sul Copasir. Arrivano le dimissioni di Vito (FI)

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.