A- A+
Roma
Scandalo sanità a Ostia: analisi gratis per parenti e amici: 141 gli indagati

Sono 141, tra medici e paramedici, i dipendenti dell’ospedale “G.B. Grassi” di Lido di Ostia denunciati all’Autorità Giudiziaria dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma per aver permesso ad amici e parenti di eseguire accertamenti diagnostici completamente gratuiti senza seguire le ordinarie liste di attesa.

L’attività investigativa delle Fiamme Gialle del 6° Nucleo Operativo Metropolitano di Roma, diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica capitolina, ha preso le mosse nel novembre 2017 da una denuncia presentata nei confronti di un’infermiera del reparto di chirurgia, estendendosi a “macchia d’olio” in tutto il nosocomio.

I militari hanno proceduto ad un meticoloso esame dei tabulati relativi alle prestazioni erogate e all’assunzione di testimonianze, individuando artefici e beneficiari della truffa che, oltre a danneggiare il Servizio Sanitario Nazionale, ha leso i diritti degli altri utenti i quali, prenotandosi regolarmente al C.U.P., dovevano attendere il proprio turno prima di sottoporsi a un esame diagnostico.

Il "metodo Grassi"
La pratica fraudolenta era piuttosto semplice quanto diffusa: la persona bisognosa di una prestazione si rivolgeva a uno dei sanitari compiacenti che, grazie alla password personale per l’accesso al sistema informativo dell’ospedale, avanzava richiesta all’articolazione competente. Eseguito l’esame diagnostico ovvero l’analisi chimico-clinica, gli stessi sanitari venivano in possesso del referto, che provvedevano a consegnare al beneficiario, evitando così il pagamento del ticket alla Regione Lazio.

A usufruire della “corsia preferenziale” 523 tra parenti e amici dei medici ed infermieri, questi ultimi a loro volta beneficiari dell’illecito sistema. Oltre a dover rispondere all’Autorità Giudiziaria ordinaria del reato di truffa aggravata ai danni del Servizio Sanitario Nazionale, gli indagati dovranno vedersela con la Corte dei Conti per il danno cagionato all’Erario.

La Guardia di Finanza è in prima linea nel contrasto alle frodi sanitarie, garantendo il corretto impiego delle risorse pubbliche a favore di chi ne ha realmente bisogno.

Regione Lazio: "Parte civile per truffa ticket al Grassi"

“In riferimento ai presunti abusi all’ospedale Grassi di Ostia, in caso di rinvio a giudizio, ci costituiremo parte civile e i responsabili dovranno risarcire fino all’ultimo euro. Aggirare le liste d’attesa non pagando il ticket è una pratica che offende il sistema sanitario". Lo comunica in una nota l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato. "Voglio ringraziare - aggiunge - il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma per l’attività investigativa svolta che ha sempre ricevuto la massima collaborazione dall’azienda sanitaria locale. Se fossero accertate le responsabilità ci sarà anche un tema deontologico che chiamerà in causa anche gli ordini professionali”.

Corruzione e traffico di influenze alla Asl Rm3: indagati Baldi e De Salazar

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    sanitàscandalo sanitàanalisi clinicheostiaospedale ostiaospedale grassiguardia finanzamedici indagatiparamedici indagatilaboratorio analisiticket analisiregione laziolazio sanità
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, mascherine e tutela ambiente: alla Regione Lazio si apre la crisi

    Coronavirus, mascherine e tutela ambiente: alla Regione Lazio si apre la crisi

    i più visti
    i blog di affari
    Ascolti Tv, Mediaset strizza l’occhio alla coppia Cucuzza-Volpe per il daytime
    Di Francesco Fredella
    L’Intelligenza Artificiale può aiutarci a salvare le imprese?
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Facchinetti e la bergamasca RTL102.5 fanno il botto con “Rinascerò rinascerai”
    Di Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.