A- A+
Roma
Sindaco Pd di Roma, Bettini prende tempo: “No alla Raggi. Serve nome vincente”

Candidato sindaco di Roma, il Pd è ancora in alto mare. A confermarlo è Goffredo Bettini, che continua a prendere tempo senza sbilanciarsi troppo. Quel che è certo è che i dem non sosterranno mai Virginia Raggi, ma non Calenda: appoggiare il leader di Azione è possibile, ma solo ad una determinata condizione.

Incalzato sul tema comunali, Bettini su Sky Tg24 è andato sulla difensiva: “Non ne posso parlare. Roma è una città difficilissima, noi del Pd abbiamo detto senza problemi che è impossibile appoggiare una nuova candidatura dell'attuale sindaco Virginia Raggi. Si deve trovare qualcosa di diverso, ma siamo ancora in una fase istruttoria. Noi non dobbiamo avere paraocchi ideologici e politici nel valutare le candidature che possono essere in campo. Dobbiamo valutare delle candidature democratiche, vincenti e capaci di dedicare la loro vita almeno per i prossimi 5 anni a Roma”.

Per quanto riguarda invece un possibile rimpasto di Governo, Bettiin ha rimandato il problema: “Penso che adesso ci sia grandissima sofferenza, il governo si deve far carico dell'emergenza, dei vaccini, noi siamo un governo che mette al primo posto la solidarietà, poi si parlerà, se se ne dovrà parlare, di riassetto, ma è una cosa che viene dopo l'emergenza".

Bettini, che più volte ha posto l'esigenza di un nuovo assetto del Governo, poi chiarisce: “Mi piace chiamarla ripartenza, non rimpasto, perché abbiamo superato mesi terribili, Conte è stato molto bravo, senza di lui non ci sarebbe stata la salvezza dell'Italia ma finita l'emergenza si deve guardare di più alla prospettiva. In questa ripartenza nessuno deve fare un passo indietro, tutti devono fare un passo avanti a partire dai leader dei partiti, non è un totonomi però". Quanto al premier, l'esponente Pd spiega: "Stimo Conte, è un uomo di sintesi, di compromesso spesso alto, è un ottimo presidente del Consiglio e penso che mantenere un profilo istituzionale per lui sia un vantaggio. Se anche la stima ottenuta presso i cittadini vorrà utilizzarla sul piano politico spetta a lui decidere, se lo farà non penso avrà risultati magri come è successo ad altri. Conte ha la capacità di fare una esperienza politica ma penso sia meglio che mantenga questo ruolo istituzionale di sintesi".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sindaco romasindaco pdcandidato pd romacandidato sindaco romagoffredo bettiniraggiraggi biscarlo calendacalendacalenda sindaco



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
    Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.