A- A+
Roma
Tredici delitti in 10 anni. Ecco Roma, capitale degli omicidi senza giustizia

di Patrizio J. Macci

Tredici casi di nera accaduti nella Capitale nell’arco temporale che va dal 1990 al 2000: Fabrizio Peronaci giornalista d’inchiesta del Corriere della Sera torna sul luogo del delitto letterario con “Morte di un detective a Ostiense e altri delitti” (edizioni Typimedia).

Con il piglio del giornalista antica maniera (analogico) l’autore estrae dall’armadio della cronaca nera omicidi irrisolti ripercorrendo le indagini dell’epoca, raccontando i personaggi e metodi di investigazione che, anche se lontani solo un ventennio, letti con gli occhi e i metodi attuali sembrano usciti dai racconti di Sherlock Holmes.Peronaci pesca tra casi freddi ormai archiviati che giacciono tra gli scaffali polverosi, per i quali è stato fatto tutto il possibile con gli immancabili errori, sviste, prove che non sono potute entrare nelle inchieste. Gli omicidi diventano il pretesto per sbozzare il ritratto di una città cupa, madre matrigna pronta ad attivare i suoi anticorpi contro “sbirri e giornalisti”.

Si va dalla scomparsa del magistrato Paolo Adinolfi, caso unico di “lupara bianca” nel cuore della capitale, all’enigma di Duilio Saggia Civitelli, il detective freddato in maniera cinematografica al binario 10 della stazione Ostiense; dalla tragica fine di “Francescone” Anniballi, il caratterista che recitò con Vittorio Gassman e Nino Manfredi, inspiegabilmente censurata o quasi dai media, ai classici gialli a sfondo economico e/o passionale della commercialista Antonella Di Veroli e della parrucchiera Giusi Nicoloso, fino a crimini da film horror, come l’esecuzione dell’assicuratrice sulla Cassia.

Dopo una minuziosa rilettura delle carte la maggior parte dei delitti potrebbero essere oggetto di nuove indagini, non solo per l’arrivo di strumenti più sofisticati ma per la capacità che ha avuto chi scrive di cucire con le parole tessere spaiate, frammenti apparentemente insignificanti. L’uso delle fonti dirette da parte del cronista a distanza di anni è un indubbio punto di vantaggio, il ragionamento si srotola per fili che sono stati cari a Leonardo Sciascia nei suoi capolavori. Sono appunto correlazioni quelle di cui il giornalista va in cerca. La sua scrittura mira ad individuare di volta in volta “l’ordine delle somiglianze”, dare un senso alle coincidenze con il solo scopo finale di restituire pace ai familiari di morti che altrimenti continuano a rimanere sepolti vivi perché senza giustizia.

Commenti
    Tags:
    delittidelitti romaroma capitalefabrizio peronacipatrizio j. macciomicidi romagiustizia romacolpevoli


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    i più visti
    i blog di affari
    "Impennata in Rete": avete letto questi numeri? C'è un'azienda italiana.....
    Francesco Fredella
    Carlo Tognoli, addio al sindaco (di Milano) operaio e stacanovista. RITRATTO
    di Maurizio De Caro
    Sanremo? Il cantante Gabriel Grillotti punta su Gaia. E dice..
    Rudy Cifarelli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.