A- A+
Roma
Tropico del Mediterraneo: i pesci che studiano i cambiamenti climatico

Il Mediterraneo si sta trasformando in un mare tropicale? Questa è una delle conseguenze del cambiamento climatico denunciate dalla comunità scientifica. La presenza di alcuni pesci originarie di altre latitudini nelle acque del Mediterraneo sembrerebbe confermarlo. Per studiare e monitorare la quantità di queste specie ittiche è stato presentato ClimateFish, un database che raccoglie dati su questi pesci.

Le specie monitorate sono in tutto 15. Sette sono specie autoctone che però stanno cambiando areale: cernia bruna, donzella pavo, pesce pappagallo, salpa, sciarrano, perchia e carango dorato. Le altre 8 sono specie di origine tropicale, la cui presenza sta aumentando: pesce flauto, pesce coniglio scuro, sigano marezzato, pesce scorpione, monacanto reticolato, triglia di Forskkal e pesce palla.

La ricerca è stata condotta dal biologo marino Ernesto Azzurro, appartenente all’Istituto per le Risorse Biologiche e le Biotecnologie Marine del Cnr, insieme agli esperti Centro Ricerche Enea di Santa Teresa (La Spezia), ed è stata presentata sulla rivista Frontiers.

I cambiamenti climatici nel Mediterraneo

Il Mar Mediterraneo per la sua posizione conformazione di mare chiuso risente parecchio del riscaldamento globale. Soprattutto nel settore più orientale la temperature delle acque è aumentata negli ultimi anni di 1,6 gradi. Il mare si sta meridionalizzando, per cui specie ittiche già presenti ma distribuite nelle acque più a sud si stanno spostando sempre più a nord, e si sta anche tropicalizzando: specie ittiche tipiche delle zone tropicali hanno cominciato a spostarsi anche nelle acque mediterranee. Già alla fine degli anni '90 erano state individuati i primi spostamenti di specie ittiche verso nord. Questo provoca problemi agli equilibri dell'ecosistema: ad esempio l'aumento della specie pesce coniglio scuro ta provocando problemi alla flora marina, perché la mangiano, portando alla desertificazione dei fondali.

I risultati della ricerca

“Grazie a un campionamento durato 13 anni - ha spiegato Federica Pannacciulli dell'Enea - sono stati censiti oltre centomila esemplari delle 15 specie target, in oltre 3 mila aree di sette Paesi del bacino del Mediterraneo. Le più rappresentate sono le specie autoctone donzella pavonina e salpa, anche se quest’ultima è andata registrando una diminuzione in quantità e in distribuzione geografica dovuta con tutta probabilità all’aumento delle temperature e alla competizione con erbivori tropicali”.

Inoltre i ricercatori hanno intervistato marinai e pescatori di varie aree del Mediterraneo per capire come stesse cambiando l'ecologia marina. Dalle interviste è emerso come 75 specie adatte al caldo, tra autoctone ed esotiche, siano aumentate considerevolmente negli ultimi anni. Il pesce serra e il barracuda mediterraneo, due specie autoctone del Mediterraneo meridionale, per esempio, stanno espandendo il proprio areale verso nord.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cambiamento climaticocnreneamediterraneopescitropicaletropico






Parchi e agricoltura, insieme si può: il libro di Gubbiotti smentisce l'impossibile coesistenza

Parchi e agricoltura, insieme si può: il libro di Gubbiotti smentisce l'impossibile coesistenza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.