A- A+
Il Sociale

Tre anni dopo il catastrofico terremoto che ha causato la morte di 217.300 persone e lasciato 2,1 milioni di persone senza casa,sono ancora 350mila le persone che vivono ancora nei campi temporanei, in attesa di case permanenti.

"Il terremoto a Haiti è stata una delle più complesse emergenze con cui abbiamo a che fare da lungo tempo", afferma Alexandre Claudon, rappresentante per il Paese della Federazione Internazionale delle Societa' Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa a Haiti. "Le persone potrebbero chiedersi perchè ci sono ancora tanti individui rimasti senza casa ma la questione fondamentale è anche determinare a chi appartiene la terra su cui possiamo costruire e come i disoccupati possano pagarsi l'affitto. Tutto cio' -sottolinea Claudon in un approfondimento diffuso dal sito della Croce Rossa Italiana- rende il processo di ricostruzione seriamente complesso".

"Stiamo costruengo 53 case per altrettante famiglie -dice all'Adnkronos da Port au Prince la delegata per il ramo italiano dell'organizzazione, Caterina Becorpi- Abbiamo appena completato la decima, stimiamo di poter costruire il comprensorio, nel quartiere periferico di Lillavois, per fine anno". Progettazione e finanziamento sono a cura della Cri, mentre la costruzione e' in collaborazione con la locale missione dei padri Scalabriniani, che hanno organizzato una squadra con maestranze esclusivamente haitiane.

Tags:
emergenzaterremotohaiti

i più visti

casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.