A- A+
Il Sociale

È iniziata al suono dei tamburi la marcia #apiediscalzi organizzata al Lido di Venezia il giorno di chiusura della Mostra del Cinema. Nata proprio da Venezia su iniziativa di un gruppo di artisti per dire “no” a razzismo e xenofobia, l'iniziativa si è espansa a macchia d'olio in tutta Italia. Circa mille  persone si sono riunite e a piedi scalzi, appunto, hanno raggiunto il cuore della kermesse veneziana in solidarietà ai profughi. In testa il regista Andrea Segre. Con lui Staino e l’attrice Ottavia Piccolo. "Non è un'azione simbolica, non è movimento di star - ha detto Segre -. Centinaia di persone dicono che c'è un'urgenza democratica non solo fuori ma anche dentro i nostri confini europei. Dobbiamo chiedere scusa per la disattenzione di questi ultimi 15 anni".

Molte anche le presenze politiche, tra cui Stefano Fassina, Nichi Vendola, Livia Turco e l' eurodeputata Elly Schlein. Presente anche la leader Cgil, Susanna Camusso. Dopo la lettura dell'appello alla solidarietà e all'accoglienza,  il corteo si è messo in marcia con slogan e cartelli. "Come politico ma anche come cittadino  per me era importante essere qui, perché un momento così mi permette di respirare", ha detto Vendola. La marcia, ancora in corso, si  concluderà di fronte al Palazzo del Cinema. I partecipanti hanno immerso i loro piedi nella pittura per lasciare un segno fisico del loro passaggio lungo le strade del Lido.
Arrivati alle porte del Palazzo del cinema la polizia ha bloccato il corteo. Una delegazione degli organizzatori sarà tra pochi minuti ricevuta all'interno del Palazzo.

Centinaia di persone in cammino a Napoli. Da piazza Plebiscito, cittadini, associazioni, cooperative, organizzazioni sindacali, percorrono a piedi nudi le principali strade della città. In tantissimi dalla Campania nei giorni scorsi hanno firmato l’appello lanciato da un gruppo di artisti, amministratori, giornalisti “per la costruzione di un’Europa attenta non solo ai mercati”. Per l’occasione le Acli di Napoli, che partecipano alla marcia, hanno lanciato anche una sottoscrizione a sostegno della famiglia di Korol, l'operaio ucciso sotto lo sguardo della sua bambina, nel tentativo di disarmare dei rapinatori in un supermercato di Castel Cisterna, in provincia di Napoli.

Assistenti sociali da tutta Italia marciano "scalzi" a Lamezia Terme. La città ospita un seminario sulle minoranze; l’iniziativa rientra nel progetto Spring della Fondazione con il Sud ed è promossa da Comunità Progetto Sud e da associazione Mago Merlino. I partecipanti e i relatori si uniscono alla Marcia, in programma nel centro cittadino, in contemporanea con decine di altre città italiane. Palermo anticipa la Marcia, in strada in 5 mila. Hanno partecipato in tantissimi ieri sera: cittadini, famiglie con bambini, rappresentanti di associazioni no-profit, realtà religiose, molti migranti e perfino turisti stranieri. Uno striscione lunghissimo portato in alto dagli attivisti del Forum antirazzista di Palermo e da tanti cittadini con l’elenco dei nomi dei migranti morti. Un minuto di silenzio in memoria di tutti i migranti che sono morti e poi la musica di tamburi suonata dai volontari della Croce Rossa (da redattoresociale.it)

Tags:
migrantiimmigrazioneitaliapiedi scalzimarcia
in evidenza
Malocclusione dentale e abitudini Cos’è, come trattarla e conseguenze

Trattamento ortodontico

Malocclusione dentale e abitudini
Cos’è, come trattarla e conseguenze


in vetrina
Grandi Stazioni Retail: nel 2023 nuovi impianti e prodotti per il mercato

Grandi Stazioni Retail: nel 2023 nuovi impianti e prodotti per il mercato


motori
Nissan svela la versione speciale Ariya e-4ORCE Pole to Pole

Nissan svela la versione speciale Ariya e-4ORCE Pole to Pole

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.