A- A+
Sport
Cellino amaro: vicenda Leeds choc per me, non sono un disonesto

"Per me e' stato uno choc perche' non sono un disonesto. Ora mi vergogno e vorrei sparire, ma sarei uno stupido se avessi fatto quello che dicono. Perche' avrei dovuto fare una cosa simile? Se ho commesso un errore non e' stato certo voluto anche perche' ho speso milioni e milioni nelle societa' e loro dicono che avrei cercato di non pagare una piccola somma che potrei pagare anche domani". Cosi' Massimo Cellino, per il quale non e' certo il miglior momento specie ora che e' sfumato l'acquisto del Leeds per la bocciatura della Football League a causa della condanna per evasione fiscale comminatagli la settimana scorsa dal Tribunale di Cagliari. Il patron rossoblu' non sembra volersi dare per vinto ed ha gia' pronto il ricorso per il quale ci sono quattordici giorni di tempo. La strada e', naturalmente, in salita considerato che la federazione inglese non vede di buon occhio chi e' stato condannato, seppure in maniera non definitiva, per questo tipo di reati, ma Cellino non sembra propenso a farsi da parte. E lo ha confermato parlando con il giornale inglese The Guardian al quale ha affidato il suo sfogo. Cellino rimanda al mittente le accuse e trova anche il tempo di prendersela con la federazione. "Perche' hanno aspettato due mesi per decidere, aspettando i giudici italiani? Se avessi voluto avrei potuto ritardare il processo per uno o due anni". Conferma la sua totale buonafede nella questione dell'importazione dell'imbarcazione Nelie dagli Stati Uniti per la quale la dogana gli ha contestato il mancato pagamento dei dazi, con la conseguente condanna di una sanzione di seicentomila euro e la confisca del natante, ma lui non ha alcuna intenzione di dichiararsi colpevole. E ancora meno vuole farlo su un'altra accusa, quella che potrebbe emergere nell'inchiesta per una presunta evasione fiscale sulla compravendita di tre ex suoi giocatori: David Suazo, Edgar Alvarez e Joe Bizera.

Tags:
cellinoleedscagliari
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.