A- A+
Sport
Guarin: 10 milioni per andare negli Emirati Arabi. E all'Inter...

L'Al-Ittihad prova a fare la spesa a Milano. Dopo l'offerta per Sulley Muntari (ormai ex milanista) ne arriva una seconda per un giocatore nella rosa dell'Inter: è asalto a Fredy Guarin.

Il club saudita vuole rifare il centrocampo e ci proba con il colombiano che ha un contratto sino al 2017 con i nerazzurri.

Non è un  segreto che l'Inter lo venderebbe di fronte all'offerta giusta. Le voci su un interesse del Besiktas (a 10-12 milioni) sono state però seccamente smentite

L'Al-Ittihad sul piatto mette 4 milioni per il cartellino (considerati pochi) e un biennale da 10 milioni (5+5) per il calciatore.

Morale: Guarin è freddo (serve di più per convincerlo a lasciare Milano) e l'Inter chiede il doppio per il cartellino. Il tempo dirà se ci saranno rilanci.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guarinemirati arabiinteral i-ttihad
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.