"Il Patto del Nazareno? Temuto dai massoni. Draghi avvertì Renzi tramite De Bortoli"

ESCLUSIVO/ Da Renzi a Napolitano, da Draghi alla Merkel, dall'11 Settembre all'Isis. Gioele Magaldi, Gran Maestro del movimento massonico "Grande Oriente Democratico", affronta i principali temi del suo libro in uscita con Chiarelettere in un'intervista ad Affaritaliani.it

Da Renzi a Napolitano, da Draghi alla Merkel, dall'11 Settembre all'Isis. Gioele Magaldi, Gran Maestro del movimento massonico "Grande Oriente Democratico", affronta i principali temi del suo libro in uscita con Chiarelettere in un'intervista ad Affaritaliani.it.

L'ANTEPRIMA DI AFFARI/ Le liste sconvolgenti delle Ur-Lodges. Da D'Alema a Marcegaglia, da Passera ad Arpe. Tutti i nomi

cover
Esce con Chiarelettere il libro "Massoni" di Gioele Magaldi (Grande Oriente Democratico). Un libro che sicuramente farà discutere. Sedetevi e fate un bel respiro: nel libro trovate storia, nomi e obiettivi dei massoni al potere in Italia e nel mondo, raccontati da autorevolissimi insider del network massonico internazionale, che per la prima volta aprono gli archivi riservati delle proprie superlogge (Ur-Lodges). Magaldi, che fa nomi e liste di presunti affiliati a logge e superlogge, afferma che in caso di contestazioni renderà disponibili i documenti che le proverebbero.

Che cos'è la massoneria oggi? Qual è il suo obiettivo? 

L’obiettivo dei massoni è sempre lo stesso, da secoli. Accrescere il proprio sapere e potere, sia sul piano materiale che spirituale. E, accrescendo questo sapere e potere, i liberi muratori hanno edificato, per la prima volta nella storia dopo millenni di dominazione dispotica degli “oligoi”, delle società libere e democratiche, aperte e pluraliste, tolleranti, interclassiste e interconfessonali; fondate sulla ragione pacifica e non sul fideismo acritico e violento. Questo è il lato luminoso, per secoli maggioritario, della traiettoria storica latomistica. Ad esso, negli ultimi decenni, si è sovrapposta l’egemonia contingente di cenacoli massonici neoaristocratici. 

Quanto è forte oggi il potere della massoneria? 

I massoni hanno creato il mondo moderno e contemporaneo, con tutte le sue caratteristiche peculiari. Lo hanno creato e non hanno mai cessato di gestirlo, pur fra guerre intestine e fratricide. Dunque non c’è da domandarsi quanto sia forte il potere della massoneria. Piuttosto, occorre riconoscere che il potere, dalla fine del XVIII secolo in avanti, è strutturalmente massonico. 

In Italia per avere un ruolo di potere devi fare parte della massoneria? 

Non soltanto in Italia, per la verità. 

Nelle liste di massoni che lei cita ci sono tantissimi leader mondiali, da Merkel a Putin, da Hollande a Obama. Quanto incide sulle loro scelte politiche/economiche l'affiliazione alla massoneria? 

Non è tanto importante l’affiliazione in se stessa, quanto l’appartenenza a circuiti progressisti o conservatori, democratici o neoaristocratici, moderati o radicali. Nel primo volume di Massoni. Società a responsabilità illimitata, questi nessi, che coinvolgono le classi dirigenti planetarie nel loro complesso, vengono spiegati molto bene, con dovizia di particolari ed esempi storici clamorosi.   

In questo panorama mondiale dominato dalle Ur-Lodges, che ruolo si ritaglia Matteo Renzi?  

Matteo Renzi per ora è un “wannabe”, un aspirante massone. Non desidera essere iniziato nel Grande Oriente d’Italia o in qualche altra comunione ordinaria della Penisola. Punta molto in alto. Possibilmente ad una delle Ur-Lodges della rete di Mario Draghi (“Three Eyes”, “Edmund Burke”, “Pan-Europa”, “Compass Star-Rose”, “Der Ring”). Ma troverebbe soddisfacente anche essere affiliato alla “Leviathan”, per il tramite di Richard Nathan Haass, oppure alla “White Eagle” e/o alla “Hathor Pentalpha”, tramite il fratello massone Michael Leeden. 

Renzi è l'esponente di un partito di sinistra ma lei sostiene che aspiri a far parte della Three Eyes, una Ur-Lodge conservatrice. Come mai? 

Basta leggersi con attenzione le pagine della trilogia di Massoni per rendersi conto che, su un piano iniziatico, le logiche della politica profana cessano di avere un significato. La vera cifra conservatrice o progressista, oligarchica o egualitaria e democratica di un determinato soggetto si evince dai suoi effettivi posizionamenti nel cosiddetto back o high-office del potere.   

Quali legami ha Renzi con la massoneria italiana? Berlusconi e Renzi: in che cosa sono diversi nell'approccio al mondo massonico? 

Lo ripeto: a Renzi interessa stringere legami con i proconsoli italiani di Ur-Lodges sovranazionali, non con rappresentanti di comunioni di respiro solo peninsulare. E per i rapporti di medio-basso livello, gli bastano le entrature di suo padre Tiziano (non massone) o di Denis Verdini (massone). A Berlusconi è stato sempre interdetto l’accesso ai salotti buoni delle aristocrazie latomistiche planetarie. Renzi ha buone probabilità di esservi ammesso, in tempi non troppo lontani. 

Quale giudizio ha la massoneria internazionale di Renzi e del Patto del Nazareno?  

C’è una certa inquietudine e diffidenza. Qualcuno teme che, imprevedibilmente, questo Patto possa trasformarsi in forza d’urto per rinegoziare le regole e le condizioni della convivenza europea. Nasce di qui l’editoriale polemico che a suo tempo il paramassone De Bortoli, su ispirazione del Venerabilissimo Maestro Mario Draghi, scrisse all’indirizzo di Renzi. 

Secondo lei durerà il governo Renzi? E chi arriverà al Colle dopo Napolitano? 

Il bluff di Renzi non potrà durare ancora molto. O si decide ad abbandonare la retorica del cambiamento per mettere in scena un reale dinamismo riformista e progressista (mutando completamente i paradigmi politico-economici di riferimento a approdando a una Weltanschauung autenticamente keynesiana e rooseveltiana), oppure è inevitabile che il popolo italiano, dopo essersi clamorosamente illuso sul suo conto, lo prenda a pomodori in faccia. E’ prematuro parlare del dopo-Napolitano. Il fratello del Colle più alto non ha ancora deciso se andarsene davvero oppure no. Per ora si è limitato a creare suspense e inquietudini con qualche abile, ambigua e strumentale fuga di notizie a proposito dei suoi intendimenti futuri. 

 Napolitano e Draghi sono i veri potenti d'Italia? Quanta influenza hanno a livello mondiale? 

I fratelli Napolitano e Draghi sono tra i maggiori rappresentanti italiani dei circuiti massonici oligarchici di respiro sovranazionale. Ma Draghi ha più potere di Napolitano.   

Il pentito di mafia Vincenzo Calcara, l'uomo che avrebbe dovuto uccidere Paolo Borsellino, parla di 5 entità che sarebbero alla base delle scelte di potere più oscure del nostro Paese: Cosa Nostra, 'ndrangheta, Vaticano, servizi segreti e massoneria. Conferma questa teoria? 

No. Si tratta di astratte ricostruzioni cospirazioniste che confondono entità differenti e diversificate al loro interno, mettendo tutto in un calderone indistinto di presunte opacità pregiudizievoli dell’interesse collettivo. E quando si parla di massoneria, sarebbe bene operare delle rigorose distinzioni tra realtà locali e casarecce e livelli di potere sovranazionale, i soli in grado di condizionare sostanzialmente, nel bene e nel male, la traiettoria politico-civile e socio-economica del nostro e di altri Paesi. 

Da una parte Hathor Pentalpha e dall'altra Maat. Chi è in questo momento più forte? 

C’è una situazione di stallo, nella dialettica feroce tra Ur-Lodges di diverso segno ideologico. Ricordo però che la Hathor Pentalpha appartiene nettamente al fronte massonico reazionario, mentre la superloggia Maat è il frutto di un compromesso contingente tra istanze democratico-progressiste e altre conservatrici e neo-oligarchiche comunque più moderate di quelle imperanti nell’ambiente dei “pentalphiani”.   

11 Settembre e avanzata dell'Isis fanno parte di una stessa strategia? 

Certamente si. Per capire adeguatamente e in modo non superficiale come e perché, rinvio i comuni lettori e gli operatori mediatici ad una meditazione attenta del nono capitolo del primo volume di Massoni. Società a responsabilità illimitata e ai capitoli finali del secondo e terzo volume della trilogia, di prossima pubblicazione. 

Quali sono i progetti della massoneria sull'Europa? E sull'Italia? 

Per i cenacoli massonici neoaristocratici rappresentati al massimo livello europeo da gente come Draghi, Merkel, Schaüble, Weidmann, Katainen, Rutte, Lagarde, ecc., si tratta di realizzare una sostanziale destrutturazione dei rapporti sociali e politici consolidati da anni di benessere largamente diffuso. E tale mutamento epocale e traumatico lo si vuole conseguire devastando l’economia reale, deprimendo i consumi, proletarizzando le classi medie, asservendo quelle proletarie, creando una massa informe di manodopera a basso costo e abituando tutti a forme di governance tecnocratiche ed oligarchiche. Per i circuiti progressisti, di cui anche GOD e il sottoscritto sono parte integrante, si tratta di difendere e promuovere la democraticità sostanziale dei meccanismi istituzionali italiani ed europei. Cosi come di tutelare giustizia e mobilità sociale, pari accesso alle opportunità, alti livelli di welfare, riducendo nel contempo le disuguaglianze economiche in un contesto di sana economia di mercato, depurata da illiberali concentrazioni oligopoliste e monopoliste. E si tratta di imprimere un nuovo slancio keynesiano e rooseveltiano alle politiche economiche del Vecchio continente, Penisola italiana inclusa. A tal riguardo, sotto il profilo più strettamente massonico, stiamo per costituire la prima Ur-Lodge palese e scoperta al mondo, che si chiamerà “Paine de Gouges”. Dal punto di vista profano, nel gennaio 2015 verrà formalizzata l’istituzione del Movimento Roosevelt: un player metapolitico che si batterà in trincea, fra la gente comune, per rigenerare il tessuto civile della società contemporanea, sia sul piano locale che globale. Il MR sarà uno strumento duttile e trasversale per porre fine alla crisi inaugurata nel 2007-2008 e per proporre un innovativo, risolutivo e agguerrito paradigma con cui affrontare in modo del tutto inedito le sfide della globalizzazione.   

Nel 2016 si prepara davvero il trionfo delle forze guerrafondaie oppure le forze più progressiste possono riprendere il controllo? E se sì, come possono riuscirci? 

I prossimi due anni saranno decisivi e cruenti, nel segno di uno scontro titanico tra istanze di potere e progetti di governance euro-atlantica e mondiale radicalmente alternativi. Per un verso saranno importanti le conseguenze della creazione della Ur-Lodge Paine de Gouges e della diffusione delle Nuove Costituzioni massoniche per il XXI secolo, così come del Rito Europeo Universale. Da un altro punto di vista, i rispettivi scenari politico-elettorali di Usa, Francia e Italia- per ragioni che spiegheremo sempre meglio nei vari capitoli della trilogia di Massoni. Società a responsabilità illimitata- avranno conseguenze gravi, profonde e durature sulla traiettoria della contemporaneità globalizzata. In questo contesto, particolarmente preziosa e utile potrà rivelarsi l’azione del Movimento Roosevelt di imminente costituzione ufficiale.  

Oggi chi è l'uomo con più potere al mondo? 

Non ha senso parlare di singoli individui. Nel mondo, il potere sostanziale è costitutivamente massonico. E il potere massonico è tradizionalmente di natura collettiva e collegiale, anche quando vi siano grandi personalità carismatiche che sembrino primeggiare. Comunque, il lettore comune e gli operatori mediatici troveranno molti esempi di singoli soggetti molto potenti, tra le pagine del primo volume di Massoni. Società a responsabilità illimitata.


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

In Vetrina

G7, Melania colpisce ancora. Foto romantica con Donald. Ma quella mano... FOTO

In evidenza

Red Ronnie ad Affari: Gabbani? "Era meglio se a Sanremo..."

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it