A- A+
Economia
manager

twitter@paolofiore

Ventiquattro ore: tanto basta ad alcuni grandi manager europei per incassare quanto i propri dipendenti guadagnano in un anno di lavoro. A sollevare il caso è un sindacato svizzero, Travail. Ma la questione riguarda anche l'Italia.

Oltralpe si sono già mossi: in un referendum, il 67,9% degli svizzeri ha detto sì all'introduzione di un tetto al compenso dei manager. Anche se poi non si tratta di un vero tetto perché la proposta referendaria promossa da Thomas Minder non fissa un limite ma introduce alcuni paletti, come la necessità del nulla osta da parte degli azionisti. Il passo successivo, sperano i sindacati, è l'approvazione dell'iniziativa 1:12. Non è una proposta nuova. Nuova è la volontà di portarla in parlamento. Di cosa di tratta? I manager non possono avere una busta paga che sia superiore a 12 volte quella dei propri dipendenti. Se un operaio guadagna 20 mila euro, l'Ad della società non dovrebbe incassarne più di 240 mila. Una regola che, a oggi, nessuno rispetta. Per provarlo, Travail ha preso in esame le remunerazioni delle principali società svizzere. Il record spetta all'amministratore delgato di Roche: nel 2012 Severin Schwan ha ottenuto poco meno di 15,8 milioni di franchi (circa 12,8 milioni di euro). Uno stipendio annuo 261 volte superiore rispetto alla paga minima dei propri dipendenti (61 mila franchi).

L'ad di Nestlé, Paul Bulcke ha intascato 12,6 milioni di franchi (238 volte i dipendenti), quello di ABB Hogan 10 milioni (225 volte i lavoratori del gruppo). E la lista è lunga: anche i vertici di Novartis, Lindt, Ubs, Credit Suisse, Zurich, Swatche e Lonza portano a casa uno stipendio che supera di oltre 100 volte quello di operai e impiegati. 

Ma la sproporzione non è solo svizzera. Ne è affetta, ad esempio, anche la Francia se è vero che Hollande ha promosso (e poi abbandonato) una legge simile a quella elvetica ma con una proporzione di 1 a 20. E in Italia? La regola dell'1:12 compare nel programma del Moviemento 5 Stelle, ma non è ancora arrivata in Parlamento. Eppure ci sarebbe bisogno di una legge che limiti gli stipendi d'oro. Anche il governatore di Bankitalia Ignazio Visco ha tirato le orecchie alle società che elargiscono sostanziosi bonus anche quando i risultati non sono stati positivi. Ma per ora, pare difficile una proposta simile, anche perché toccherebbe non solo le tasche di manager e funzionari pubblici ma anche (e sarebbe una novità) quelle dei private.

Nel 2012 il record spetta a Giovanni Perissinotto che, grazie a una sostanziosa buonuscita, ha incassato da Generali quasi 11,6 milioni, 458 volte lo stipendio annuo di un impiegato nel settore assicurativo (circa 25.300 euro). Al secondo posto c'è Sergio Marchionne. Il Ceo di Fiat ha incassato 7,38 milioni. Un metalmeccanico (anche se Fiat non riconosce il contratto collettivo) guadagna circa 15.600 euro l'anno, 473 volte meno del manager italo-canadese. Sul terzo gradino del podio Luca Cordero di Montezemolo, con 5,5 milioni (354 volte un operaio Ferrari). Scorrendo la classifica, troviamo ancora Generali. Nel 2012 Sergio Balbinot ha guadagnato 4,26 milioni (168 volte la paga di un dipendente). Enrico Cucchiani, Ad di Intesa, 3 milioni (75 volte i 40 mila euro lordi portati a casa da uno sportellista). E nel settore bancario, Cucchiani non è un eccezione: secondo la Uilca, negli istituti italiani lo stipendio medio di un amministratore delegato è stato 53 volte quello di un lavoratore del settore. Un dato che fa arrossire, ma che segna un calo rispetto al 2011, quando i compensi dei manager erano 80 volte superiori.

Tags:
managerstipendisprechi
Loading...
in vetrina
Lodovica Comello: "Il mio 2020 con un bimbo in braccio e tanti pannolini.."

Lodovica Comello: "Il mio 2020 con un bimbo in braccio e tanti pannolini.."

i più visti
in evidenza
Chiara Ferragni senza reggiseno Poi in biancheria intima.. LE FOTO

Diletta, Blasi.. Gallery delle vip

Chiara Ferragni senza reggiseno
Poi in biancheria intima.. LE FOTO


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Maserati presenta la serie speciale Royale

Maserati presenta la serie speciale Royale


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.