A- A+
Milano
"Maroni riapra la trattativa, a rischio mille bus". La richiesta di FAI

A gennaio 2017 oltre mille autobus di proprietà delle 350 aziende lombarde attive nel settore dei trasporti saranno messi fuori mercato provocando un danno enorme alle imprese e una perdita ingente di posti di lavoro.

E’ la FAI (Federazione Autonoleggiatori Italiani Trasporto Persone), associazione di categoria che riunisce oltre 600 operatori del settore e fa parte della confederazione nazionale Sistema Impresa, a lanciare l’allarme contro il regolamento di Regione Lombardia approvato nel dicembre del 2014 e che entrerà in vigore all’inizio del 2017.

Il provvedimento vuole combattere l’inquinamento dovuto ai gas di scarico e ha sollevato le critiche del presidente della FAI Francesco Artusa: «Gli autonoleggiatori lombardi sono già alle prese con la crisi prolungata del settore e non possono essere ulteriormente penalizzati da una evidente alterazione dei meccanismi della libera concorrenza a tutto vantaggio delle aziende che hanno sede nelle altre regioni».

Gli articoli del regolamento contestati dalla FAI prevedono che gli autobus non possano essere utilizzati per il trasporto persone oltre 15 anni dalla data di immatricolazione. Altro limite da abolire sono i cinque anni oltre i quali, nel caso di un autobus usato, non potrà più essere rilasciata la licenza per il trasporto delle persone.

La FAI ha promosso un ricorso al Tar di Milano ed è in attesa della sentenza. «Il  regolamento si espone al vizio di incostituzionalità come si evince da un analogo contradditorio con la Regione Piemonte e che ha visto i giudici accogliere valutazioni simili a quelle che la Fai ha prodotto ai fini della tutela dei propri associati» spiega Artusa.

Nel frattempo la trattativa con la giunta Maroni è aperta. Spiega il segretario della FAI Adriano Bosio: «Le caratteristiche degli autobus contemplate dal regolamento si riferiscono agli anni di immatricolazione quando invece si poteva assumere come parametro il chilometraggio».

La FAI, come ribadisce il vice presidente Moreno Caldana, è alla ricerca di soluzioni «condivise nell’interesse delle aziende e nel rispetto degli obbiettivi di tutela ambientale del governo regionale. Il vincolo dei 15 anni, come già stabilito dalla Regione Veneto, può riguardare unicamente i mezzi per i servizi atipici: trasporto operai e in ambito comunale, etc. In caso di sostituzione di un autobus usato, invece, il limite dei 5 anni deve essere esteso fino a 15 anni. Si tratta di modifiche che non stravolgono l’impianto della delibera e consentono di ottenere risultati sul fronte dell’inquinamento senza compromettere la sopravvivenza delle aziende che sono costrette a confrontarsi con un mercato sempre più difficile e in forte contrazione».

 

Tags:
maroni bus


A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Vaccinazioni: in Lombardia raggiunto un buon livello per i vaccini obbligatori
di Paolo Brambilla - Trendiest
La Cei chiede solidarietà ai migranti, ma la democrazia italiana è a rischio
di Ernesto Vergani
Giuseppe Conte, l’insostenibile delicatezza del potere
di Maurizio de Caro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.