A- A+
Sport
medium 130115 213217 to150113spo 0304

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

“Prima o poi potrebbe anche arrivare il momento in cui il presidente possa decidere di lasciare questa società. Ma in questo momento Moratti è l’Inter”. Beppe Baresi, 40 anni in nerazzurro, parla a tutto campo della sua carriera e della nuova stagione in un’intervista ad Affaritaliani.it. Prima giocatore, poi responsabile del settore giovanile e infine vice allenatore: l’Inter è la sua seconda pelle e per lui non ha segreti. “Mazzarri ha avuto un ottimo impatto. Le sue idee sono quelle con cui sono cresciuto: lavoro, preparazione e sacrificio”. A Pinzolo molto lavoro sul campo e meno palestra: “Non c’è la ricerca del super fisico ma della giusta condizione. Kovacic nuovo Hamsik? Mateo ha grandi doti e capisce il mister al volo”. Baresi spiega il lavoro sui giovani e sulla sua carriera dice: “Zanetti è forse l’ultima bandiera, una storia come la mia e di mio fratello Franco nel calcio di oggi sarebbe stata impossibile. Rimpianti? Mi manca un po’ il club dove io possa essere l’allenatore ma non si può lasciare l’Inter”.

LEGGI IL REPORTAGE DI AFFARITALIANI.IT DAL RITIRO DELL'INTER

Beppe Baresi, dopo aver lavorato come vice per cinque anni ora torna a fare l’assistente tecnico come con Benitez. Che cosa cambia a livello organizzativo?

Cambia che ora sono a disposizione non solo di Mazzarri ma anche di Frustalupi. Intervengo dove c’è bisogno per organizzare il lavoro di allenamento e gestisco anche singolarmente i giocatori. Poi do una mano per il recupero degli infortunati come sto facendo in questi giorni con Milito che ha bisogno di lavorare anche dal punto di vista tecnico.

Da Mourinho a Stramaccioni lei ha visto i metodi di lavoro di tanti allenatori dell’Inter. Come è stato l’impatto con Walter Mazzarri?

Buono, molto buono. Le sue idee sono quelle con cui sono cresciuto: il tanto lavoro, la preparazione minuziosa, il partire da zero. Credo che la prima parte della preparazione qui a Pinzolo sia stata più che positiva. Chiede grande sacrificio ai giocatori ma ha avuto un grande impatto anche con loro e lo stanno tutti seguendo al massimo.

BEPPE BARESI fu portato all'Inter, giovanissimo, da Guido Settembrino insieme al fratello minore Franco (che fu scartato e passò al Milan). Con la maglia interista, di cui fu anche capitano, ha esordito in Serie A nel 1977 e giocato 392 gare in campionato (realizzando 10 gol), 73 gare nelle coppe europee (1 gol) e 94 gare in Coppa Italia (2 gol). Sempre con l'Inter ha vinto due scudetti, due Coppe Italia, una Coppa UEFA e una Supercoppa italiana. Appese le scarpe al chiodo è entrato in società. Dopo l'esperienza sulla panchina della categoria Allievi, è stato il responsabile del settore giovanile dell'Inter dal 2001 al 2008 ottenendo due campionati Primavera, due Coppe Italia Primavera e due tornei di Viareggio. Nel 2008 viene nominato vice-allenatore, affiancando José Mourinho. Con l'arrivo di Rafael Benitez quale nuovo allenatore dell'Inter e di Mauricio Pellegrino come suo vice, Baresi diventa assistente tecnico. E’ vice anche di Leonardo, Ranieri e Stramaccioni. Con l’arrivo di Mazzarri è tornato a ricoprire il ruolo di assistente tecnico.

In questi giorni si è visto molto lavoro sul campo e forse un po’ meno in palestra. Questa è una differenza con gli scorsi anni?

Anche gli anni scorsi non è che abbiamo lavorato tantissimo in palestra. Si sta lavorando il giusto, quando ci si divide in due gruppi c’è chi va in palestra e chi sta fuori. Di certo non c’è questa ricerca del super fisico o del super giocatore. C’è invece la ricerca del giusto equilibrio per far sì che i giocatori arrivino in fretta nella giusta condizione.

Si sta lavorando molto sulla tattica, in particolare sugli inserimenti dei centrocampisti. Mateo Kovacic può diventare l’Hamsik dell’Inter?

Kovacic è un ragazzo giovane con grandi qualità. Riesce subito a capire che cosa gli chiede l’allenatore. Ha eccellenti doti tecniche e una buona corsa. Sì, penso che Kovacic possa raggiungere traguardi importanti sia a livello individuale sia a livello di squadra.

Dopo tanti anni manca in ritiro Javier Zanetti, insieme a Totti forse l’ultima vera bandiera del calcio italiano. Un’epopea come la sua e quella di suo fratello Franco (per una quindicina d’anni avversari con le maglie di Inter e Milan, ndr) sarebbe stata possibile nel calcio di oggi?

Sarebbe stato molto difficile. Zanetti è forse l’ultima o una delle ultime bandiere. Oggi è quasi impossibile che un giocatore possa riuscire a stare per tanto tempo in una società come invece abbiamo fatto io e mio fratello. Il calcio oggi è davvero internazionale e anche i giocatori importanti cambiano spesso squadra. Tranne rari casi è difficile che si rimanga più di 4 o 5 anni nella stessa società.

Il calcio italiano viene spesso criticato perché non investe sui giovani. Ora però sembra che la situazione, per volontà o per necessità, stia cambiando…

L’Inter sui giovani c’è e c’è sempre stata sin dall’avvento di Moratti. Per molto tempo ho lavorato per il settore giovanile e piano piano siamo riusciti a farlo diventare di livello mondiale. Nel corso degli anni abbiamo cresciuto giovani di primo livello. Non tutti magari sono riusciti a esordire o giocare nell’Inter ma se si dà un’occhiata anche ai vari Bonucci, Destro, Siligardi, Meggiorini si capisce che da qui negli ultimi anni sono arrivati fiori di giocatori. Senza contare tutti quelli che hanno trovato spazio con la maglia nerazzurra. 

medium 130710 192533 to100713spo 1252

Lei si immagina un’Inter senza Moratti?

Vedendo la storia dell’Inter in questo momento no. Per carità, prima o poi credo che arriverà un momento in cui il presidente, non so per quali motivi, possa decidere di lasciare. Però penso davvero che in questo momento l’Inter sia Moratti.

Lei ha legato tutta la sua carriera, da giocatore prima da allenatore e dirigente poi, all’Inter. Non pensa mai che magari andando in un’altra società avrebbe potuto costruirsi una carriera da primo allenatore?

Visto il mio percorso per ora no. Sia da quando ero piccolo sono andato sempre in crescendo. Forse mi manca un po’ il club dove io possa essere l’allenatore però dopo 40 anni di Inter andare alla ricerca di qualcosa d’altro non è facile. Una società come questa la si potrebbe lasciare solo per grandi traguardi e grandi progetti. Io amo questi colori.

Tags:
beppe baresiintermoratti
in vetrina
Inter-Icardi, rinnovo di contratto? Wanda Nara al lavoro: "Sto..."

Inter-Icardi, rinnovo di contratto? Wanda Nara al lavoro: "Sto..."

i più visti
in evidenza
Il fatto della settimana I Macron (in gilet) visti dall'artista

Culture

Il fatto della settimana
I Macron (in gilet) visti dall'artista

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nissan: la mobilità del futuro, sempre più sostenibile, autonoma e connessa

Nissan: la mobilità del futuro, sempre più sostenibile, autonoma e connessa

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.