A- A+
Affari Europei
Guerra dei visti tra Europa e Stati Uniti

La decisione sull'eventuale obbligo di un "visto" per i viaggiatori di Usa e Canada in Europa come risposta alle restrizioni che quei paesi prevedono per i cittadini di alcuni paesi Ue e' stata rinviata di tre mesi. Entro il 12 luglio "al piu' tardi", infatti, il Consiglio e il Parlamento dovranno comunicare alla Commissione le loro posizioni in seguito alla scadenza, oggi, dei 24 mesi della mancata reciprocita' nell'imposizione di visti. 

Due anni fa i governi di Stati Uniti e Canada hanno deciso di chiedere ai cittadini di alcuni paesi Ue un visto (si tratta di Bulgaria, Croazia, Cipro, Polonia e Romania per gli Usa, di Romania e Bulgaria per il Canada). Tutti gli altri cittadini europei non devono chiedere il visto per recarsi oltreoceano, cosi' come non lo devono fare canadesi e statunitensi. Secondo le norme Ue, passati 24 mesi senza che i paesi terzi cambiassero idea, e cioe' da oggi, Bruxelles avrebbe potuto decidere di sospendere l'accordo per mancanza di reciprocita'. 

Ma, spiega la Commissione europea che oggi ha discusso la questione durante la sua riunione settimanale, "una tale decisione deve tenere in considerazione le conseguenze della sospensione della esenzione dai visti per le relazioni esterne dell'Ue e degli Stati che ne fanno parte". Oggi, alla scadenza dei 24 mesi previsti, la Commissione ha deciso di "invitare il Parlamento europeo e il Consiglio a prendere urgentemente una posizione sul modo piu' adeguato di andare avanti e di informarne la Commissione al piu' tardi entro il 12 luglio".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vistieuropa
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO

Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO


casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.