I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
L'avvocato del cuore
Eredità lasciata dal nonno a un minore. Noi genitori che cosa dobbiamo fare?

“Caro Avvocato, io e mio marito abbiamo un bambino di 6 anni. Mio padre é morto un mese fa e, nel testamento, ha lasciato una villa e alcuni soldi a mio figlio. Io e mio marito ci chiedevamo se un minore possa accettare l’eredità, o comunque rinunciarvi. Non siamo sicuri che le volontà di mio padre portino un vantaggio per mio figlio. Cosa posso fare?”

Cari genitori,

Vostro figlio, anche se ancora minorenne, può senz’altro ereditare dal nonno. Da solo, però, non può procedere all’accettazione dell’eredità    (né alla rinuncia) e neppure Voi genitori, senza l’indispensabile intervento del Giudice Tutelare, potete farlo per lui.

A differenza delle persone maggiorenni, infatti,  che possono decidere di accettare l’eredità anche “puramente e semplicemente” e  per fatti concludenti, l’unica forma di accettazione prevista per i minori è quella “con beneficio di inventario”. 

Questa formalità è obbligatoria perché consente di tutelare al massimo il minorenne, il quale, non avendo ancora raggiunto la maggiore età, non è considerato in grado di  assumere decisioni così importanti e neppure di ponderare e valutare attentamente la consistenza del patrimonio “attivo” e “passivo” (ovvero i debiti) lasciati dal de cuius. Coloro che accettano l’eredità senza beneficio di inventario, infatti, subentrano nell’ereditá accettando  sia i crediti sia, soprattutto, i debiti del defunto, rispondendone (quando i beni ereditati non sono sufficienti) persino con il loro personalissimo patrimonio presente e futuro. 

Con l’accettazione con “beneficio di inventario”, invece,  il patrimonio del minore chiamato all’eredità resta del tutto separato da quello della persona venuta a mancare. 

In questo modo l’erede minorenne risponderà degli eventuali debiti accumulati dal defunto solo con il valore dell’attivo ereditato senza rischiare di dover provvedere con i propri beni.

Guardando al lato burocratico della questione, affinché il bambino possa ereditare, è necessario che i genitori, in qualità di  rappresentanti legali del figlio ed esercenti la responsabilità genitoriale su di lui, depositino in Tribunale (davanti al Giudice tutelare) un ricorso per l’autorizzazione all’accettazione dell’eredità in nome e per conto del figlio. A questa istanza dovranno essere allegati diversi  documenti, tra i quali il documento di identità del minore e un certificato che attesti lo stato di famiglia; il certificato di morte del defunto e una copia conforme dell’eventuale testamento. 

Una volta ottenuta l’autorizzazione dal Giudice Tutelare i genitori dovranno presentarsi davanti all’ufficio successioni competente (quello ove si è aperta la successione, che è il luogo dell’ultima residenza del defunto, e che quindi può non coincidere con quello di residenza o domicilio del minore), oppure davanti a un notaio per la stesura del relativo atto pubblico “di accettazione”. 

Se invece i debiti dell’eredità già superano i crediti, i genitori posso richiedere, sempre al Giudice Tutelare, l’autorizzazione a rinunciare all’eredità per conto del figlio: dovranno tuttavia spiegare e documentare al Giudice le ragioni per le quali l’accettazione arrecherebbe un danno anziché un vantaggio al figlio. La decisione finale spetta comunque al Giudice. 

Un’ultima nota fondamentale: affinché l'accettazione dell'eredita' con beneficio di inventario produca gli effetti che le sono propri, e' necessario che questa sia preceduta, o seguita, entro un determinato tempo, dall'inventario dei beni caduti in successione. In poche parole é necessario procedere con l’elenzazione di tutti i beni, mobili e immobili, che fanno parte del patrimonio ereditario allo scopo di determinarne la consistenza e mantenerlo separato da quello dell'erede.

Dunque, cari genitori, qualunque sia la strada che deciderete di intraprendere per il Vostro bambino, la legge è dalla Vostra parte, perché pone sempre al centro di ogni ragionamento l’interesse e la tutela del soggetto debole. 

* Studio Legale Bernardini de Pace

Commenti
    Tags:
    avvocato del cuoreavvocato del cuore blogl'avvocato del cuorel'avvocato del cuore blogeredità minori
    in evidenza
    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    Colpo di tele-mercato

    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
    Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.