A- A+
Coronavirus
Governo, l'Italia quasi tutta arancione. Umbria e Molise verso la zona bianca

Coronavirus, Locatelli: "Rt Italia in lieve calo a 0,92"

L’indice Rt in Italia è allo 0,92, in lieve calo rispetto allo 0,98 della scorsa settimana. E’ quanto sarebbe emerso dall’analisi dei dati della cabina di regia per il monitoraggio settimanale. In diminuzione più accentuata l’incidenza, condizionata però anche dai pochi tamponi (e il relativo cospicuo calo dei casi rilevati) dei giorni intorno a Pasqua: si attesta a 185 casi settimanali per centomila abitanti, contro i 232 per centomila di sette giorni fa.  

"L'indice Rt è in ulteriore miglioramento". A confermarlo a Sky TG24 è il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli. "E' indubitabile che abbiamo avuto una riduzione significativa nel numero dei contagiati. Pur tenendo conto dei giorni di Pasqua e Pasquetta che hanno una connotazione particolare in termini di numero di tamponi eseguiti - ha aggiunto - rispetto alla metà del mese di marzo siamo scesi del 40% nel numero dei nuovi contagi e tutto questo indica l'efficacia delle misure, come sappiamo da tempo".

Covid, Locatelli: "Verso arancione Lombardia e altre 3 Regioni"

Campania, Lombardia, Puglia e Toscana in zona arancione? "Indubitabilmente alcune regioni passeranno dal rosso all'arancione. Le regioni citate hanno certamente indicatori epidemici che di fatto incoraggiano in questa direzione".

Così il presidente del Consiglio Superiore di Sanita', Franco Locatelli, a Sky TG24. "Ricordiamo come principio - sottolinea - che adesso teniamo conto oltre che del Rt anche dell'incidenza cumulativa a 7 giorni e una regione deve averla inferiore al valore di a 250 per poter passare in una fascia da rosso ad arancione".

Governo, l'Italia quasi tutta arancione. Umbria e Molise quasi in zona bianca

Il Coronavirus continua a far paura. I dati sui contagi non hanno subito quella sperata diminuzione che si attendeva. Le varianti dominano su tutto il Paese, ma il dato più preoccupante è quello dei reparti di terapia intensiva, con percentuali di occupazione in alcune Regioni superiori al 60%. Sempre drammatico il numero di decessi giornalieri. In questo quadro di instabilità, la buona notizia è che l'indice Rt scende e quasi tutte le Regioni da martedì potranno cambiare colore. L'Italia tornerà quasi interamente arancione. Solo Campania, Valle d’Aosta e Puglia - si legge sul Corriere della Sera - rimarranno nella fascia di rischio più alta, dove ressterà tutto chiuso. Riaprono, invece, nelle altre Regioni negozi, parrucchieri, centri estetici, con spostamenti sono liberi all’interno del Comune. In realtà molte aree hanno numeri da fascia gialla e questo consente di ipotizzare la riapertura, sia pur limitata, dei ristoranti dopo il 20, al massimo a fine mese.

Tra le regioni che sono già in fascia arancione da una settimana, Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Provincia autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Sicilia, Veneto, alcune hanno dati da fascia gialla. Il decreto appena entrato in vigore - prosegue il Corriere - prevede restrizioni fino al 30 aprile, ma il pressing dei governatori del centrodestra, della Lega e soprattutto delle associazioni di categoria potrebbe aprire qualche spiraglio e portare a una rivalutazione già dopo il 20 aprile. Una penalizzazione che potrebbe non riguardare l’Umbria, forse anche il Molise, che dopo mesi di restrizioni e zone rosse adesso vede la fascia bianca, anche se non in tempi brevissimi. «Mantenendo queste condizioni, dal punto di vista di un modello predittivo a 15 giorni — spiega Marco Cristofori, del Nucleo epidemiologico regionale umbro—si prevede la discesa dell’incidenza intorno ai 50 casi per 100 mila abitanti, che sarebbe il limite del governo per le zone bianche. Siamo nettamente sotto l’1, con l’indice Rt all’8 aprile che è sceso a 0,71».

Commenti
    Tags:
    governogoverno draghiregionizona rossacolori regioniumbria zona biancamolise zona biancacoronavirusemergenza coronavirusregioni coloririaperture datacoronavirus newsnegozi aperti covid
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, la primavera non decolla: ancora piogge e temporali su mezza Italia

    Meteo, la primavera non decolla: ancora piogge e temporali su mezza Italia


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Q4 E-Tron è il primo suv compatto 100% elettrico di Audi

    Q4 E-Tron è il primo suv compatto 100% elettrico di Audi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.