A- A+
Coronavirus
Vaccino Covid, Conte: "Pronti ad azioni legali anche contro AstraZeneca"

Se sara' confermata la riduzione di consegne di vaccini all'Italia il governo e' pronto a muovere azioni legali contro AstraZeneca cosi' come gia' annunciato nei confronti di Pfizer. Lo annuncia il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Nei confronti di AstraZeneca, dice Conte, "ricorreremo a tutti gli strumenti e a tutte le iniziative legali, come gia' stiamo facendo con Pfizer-Biontech, per rivendicare il rispetto degli impegni contrattuali e per proteggere in ogni forma la nostra comunita' nazionale". 

"Le ultime notizie che ci arrivano dalle aziende produttrici dei vaccini anti-Covid sono preoccupanti", premette Conte. "Dapprima Pfizer-Biontech ha comunicato un rallentamento della distribuzione ai Paesi europei delle dosi di vaccino gia' programmate e questo sta penalizzando proprio i Paesi che, come l'Italia, stanno correndo piu' velocemente: le Regioni italiane sono costrette a rallentare le nuove somministrazioni per assicurare il richiamo alle persone gia' vaccinate. Ma ancora piu' preoccupanti sono le notizie di ieri diffuse da AstraZeneca, il cui vaccino e' in attesa di essere presto distribuito anche nell'Unione Europea", aggiunge il premier.

"Se fosse confermata la riduzione del 60% delle dosi che verranno distribuite nel primo trimestre significherebbe che in Italia verrebbero consegnate 3,4 milioni di dosi anziche' 8 milioni. Questa mattina il ministro Speranza e il commissario Arcuri hanno incontrato con urgenza i vertici di Astrazeneca Italia, che pero' hanno confermato il ridimensionamento della capacita' produttiva. Tutto questo e' inaccettabile", continua Conte. "Il nostro piano vaccinale, approvato dal Parlamento italiano e ratificato anche in Conferenza Stato-Regioni - aggiunge il premier - e' stato elaborato sulla base di impegni contrattuali liberamente assunti e sottoscritti dalle aziende farmaceutiche con la Commissione Europea. Questi rallentamenti delle consegne costituiscono gravi violazioni contrattuali, che producono danni enormi all'Italia e agli altri Paesi europei, con ricadute dirette sulla vita e la salute dei cittadini e sul nostro tessuto economico-sociale gia' fortemente provato da un anno di pandemia. Ricorreremo a tutti gli strumenti e a tutte le iniziative legali, come gia' stiamo facendo con Pfizer-Biontech, per rivendicare il rispetto degli impegni contrattuali e per proteggere in ogni forma la nostra comunita' nazionale", conclude il presidente del Consiglio. 

Vaccino, Conte: "All'Italia 3,4 mln dosi in meno, inaccettabile"

"Se fosse confermata la riduzione del 60% delle dosi che verranno distribuite nel primo trimestre significherebbe che in Italia verrebbero consegnate 3,4 milioni di dosi anziche' 8 milioni. Questa mattina il ministro Speranza e il commissario Arcuri hanno incontrato con urgenza i vertici di Astrazeneca Italia, che pero' hanno confermato il ridimensionamento della capacita' produttiva. Tutto questo e' inaccettabile". Lo dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. 

Commenti
    Tags:
    vaccino covidcovid astrazeneca
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Minacce alla Borgonzoni... Recapitati 2 libri a casa sua

    Il Covid vissuto con ironia

    Minacce alla Borgonzoni...
    Recapitati 2 libri a casa sua

    i più visti
    in vetrina
    Caterina Balivo, vestitino da sogno in onore di Sanremo 2021

    Caterina Balivo, vestitino da sogno in onore di Sanremo 2021


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel e LifeGate dedicano un murale a Milano

    Opel e LifeGate dedicano un murale a Milano


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.