A- A+
Costume
Bike sharing: cumuli di bici rotte e abbandonate in Cina
Martha Hunt (Instagram)

Il bike sharing potrebbe rivelarsi un'abitudine non solo green. Lo dimostra la Cina, dove si calcola che, tra biciclette rotte, danneggiate e abbandonate, si debbano smaltire oltre 300mila tonnellate di ferraglia. Una quantità di metallo talmente grande che basterebbe per costruire cinque portaerei, secondo il calcolo reso noto dall’agenzia di stampa Xinhua.

Dopo il boom di registrazioni alle piattaforme urbane di bike sharing, nelle metropoli cinesi i fornitori hanno immesso sulle strade quasi 20 milioni di biciclette. 

Il problema, secondo il quotidiano The Atlantic, è che l’offerta ha superato di gran lunga la domanda e presto tutte queste biciclette sono rimaste ferme o sono state abbandonate in giro per le città.

Insomma, la Cina ha "sbagliato i calcoli" e ha sperato in una svolta green che non è arrivata in modo così massiccio. Il servizio ha avuto successo e continuerà ad averne, ma la Cina resta un Paese di autostrade e automobili: nel 2010 sono stati acquistati 13 milioni di auto, più che in Usa. Così la Cina è diventata il più grande mercato di automobili al mondo.

Tags:
bike sharingbike sharing cinabike sharing bici abbandonate
in evidenza
Automotive ALD Italia, i vantaggi del noleggio a lungo termine

Auto e Motori

Automotive ALD Italia, i vantaggi del noleggio a lungo termine


in vetrina
CCL e COIMA: accordo per realizzare opere di “Fair and Social housing”

CCL e COIMA: accordo per realizzare opere di “Fair and Social housing”

motori
Al via Pole to Pole, il viaggio di Nissan Ariya dal Polo Nord al Polo Sud

Al via Pole to Pole, il viaggio di Nissan Ariya dal Polo Nord al Polo Sud

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.