A- A+
Costume
Saldi/ Codacons, già iniziati nell'80% dei negozi

Otto negozianti su dieci a apoli, Milano e Roma hanno gia' avviato i saldi, in anticipo sulla data ufficiale. Il dato e' stato rilevato dal Codacons con alcune verifiche a campione. Si va da chi mette sfacciatamente le scritte promozionali in vetrina, a chi si ingegna inviando ai clienti sms, letterine, tessere sconto fino a chi, molto piu' semplicemente, abbassa il prezzo al momento dell'acquisto. In particolare, sottolinea l'associazione dei consumatori, i saldi sono gia' iniziati dell'85% dei negozi di Napoli (complice la partenza anticipata al 2 gennaio), l'80% di quelli di Roma ed il 75% di quelli di Milano (era il 65% il 27 dicembre). Percentuali destinate ad alzarsi ulteriormente nei prossimi giorni.

Per il Codacons "si tratta dell'ennesima dimostrazione di quanto sia anacronistico e ridicolo che le regioni debbano ancora fissare ogni anno le date dei saldi invece di lasciarle alla libera scelta di ogni singolo negoziante. Inoltre", si legge in una nota, "il crollo delle vendite di Natale dimostra quanto fosse opportuno accogliere la proposta del Codacons di anticipare gli sconti prima delle feste. L'associazione di consumatori aveva chiesto di mutuare la tradizione americana del 'Black Friday', il venerdi' nero che apre ufficialmente la stagione dello shopping natalizio negli Stati Uniti, magari con un piu' italiano 'Black Saturday'. Una proposta purtroppo accolta solo da poche citta', come Padova e Sorrento".

Insomma, osserva il Codacons, il settore del commercio e' ancora ben lungi dall'essere stato liberalizzato con il provvedimento degli orari e delle aperture libere. E per questo l'associazione chiede "non solo i saldi liberi ma le vendite sottocosto libere, ossia la soppressione del Regolamento del Consiglio dei Ministri del 23/02/2001 che impedisce di vendere sottocosto per piu' di 3 volte all'anno, per una durata superiore a 10 giorni e piu' di 50 prodotti".

Tags:
capodannocenonecrisi
in evidenza
"Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico

Guarda il video

"Le intercettazioni sono una forma di sputtanamento, i cinesi sono più liberali di noi". Il graffio della Chirico


in vetrina
Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te

Formazione continua e lavoro, come superare il mismatch: la visione di Fondo For.Te

motori
Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

Renault presenta la sua prima collezione di NFT “genR5”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.