A- A+
Costume
Crisi alla Giorgio Armani di Settimo: 110 esuberi su 184 dipendenti

 

I lavoratori della Giorgio Armani Operations di Settimo Torinese hanno scioperato oggi due ore per protestare contro l'annuncio di 110 esuberi, in gran parte donne, su 184 addetti. Lo sciopero è stato proclamato dai sindacati di categoria Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil.

Il polo torinese è specializzato nella realizzazione di capispalla (moda uomo) e da due anni erano stati avviati i contratti di solidarietà per affrontare la diversificazione sempre più accentuata del mercato della moda ma anche per far fronte alle modalità di lavoro diverse a seconda delle stagioni. "Sapevamo che la situazione era difficile ma la decisione dell'azienda è inaccettabile", hanno commentato i sindacati. Domani è prevista l'uscita anticipata dallo stabilimento di via Paganini 3 a Settimo.

Tags:
giorgio armani settimo crisi esuberi
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders


casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.