A- A+
Costume
Festival di Cannes 2018: smoking e ciabatte di spugna

di Carlotta Ghirardini

Al 71 esimo Film Festival di Cannes tutte le celebrities, dopo i vari red carpet davanti ai fotografi, gironzolano per le feste sugli yacht in sfavillanti abiti da sera e ciabatte bianche di spugna, perché se non ti togli le tue jimmy choo dal tacco vertiginoso non ti fanno salire in barca, neanche se sei la statuaria Heidi Klum o perfino lo 007 Pierce Brosnan.

La più simpatica è la coppia Paris Hilton e Chris Zylka, inseparabili, che si intrattengono con i fan e concedono selfie divertiti, anzi si mettono proprio a chiacchierare di gusto e ne aiutano qualcuno ad entrare ai blindatissimi party con loro. Oppure la divina Cate Blanchett, forse la più chic nei look Givenchy, che si ferma a mangiare coi fotografi al semplice brunch organizzato dal sindaco di Cannes per la stampa.

Qualche altra celeb risulta meno simpatica, forse perchè troppo nuova al successo, come la top model con la vitiligine Winnie Harlow, sempre infastidita da scatti e riprese, che passa il tempo (invece di godersi le strepitose tartine del charity Amfar) a urlare “no please” a chi cerca di immortalarla.

Ma forse lo sgarbo maggiore ai selfie-maniaci lo infligge proprio l’organizzazione del Festival: assolutamente proibite le foto sul red carpet, pena la espulsione immediata dallo stesso e l’ingresso (per punizione) dal retro.

Insomma un festival denso di insidie ma non privo della solita magia, sin dalle mattinate sulle terrazze della Croisette, dove vengono allestiti trionfi di fiori freschi, parure di diamanti, smeraldi grossi come carciofi e cibi esotici per la gioia di modelle e miliardari, ospiti del gioielliere Fawaz Gruosi (il cretore di Degrisogono) o della famosa Madame Chantal, padrona di casa da Chopard.

Di tutti i film presentati si è stradetto in ogni dove, ma di un film poco si è scritto: l’ultima fatica del regista Kazako Adilkhan Yerzhanov, in cui una graziosa contadina va in città per recuperare soldi con cui estinguere i debiti lasciati dal padre e salvare la madre dalla prigione. La storia strappalacrime di lei, nelle grinfie di uomini senza scrupoli che ne fanno un oggetto sessuale, non è nuova né avvincente, ma la tenerezza di certi dialoghi in kazako sottotitolato è toccante. La verità è che di questo film ci hanno colpito le immagini bellissime, amplificate dallo schermo gigantesco del Palazzo del Cinema di Cannes: i vasti panorami di terre lontane, le distese di grano oro, le montagne in lontananza, i primi piani sui fiori di campo, il canto in sottofondo di grilli e cicale, e luce incredibile di ogni scena, quasi fosse ognuna un quadro.

Perché vivere Cannes è anche e soprattutto questo: uscire dalla distrazione del nostro ordinario ed entrare condotti per mano in realtà virtuali possibili, mondi irreali o distantissimi da noi che ci incantano con quella magia del cinema che evoca ed amplifica.

 

Tags:
festival cannes 2018cannes 2018cannes looklook cannes
Loading...
in evidenza
Patrik Schick, gol da antologia La sensuale Krystina festeggia

Euro2020 show

Patrik Schick, gol da antologia
La sensuale Krystina festeggia

i più visti
in vetrina
Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.