A- A+
Costume
Gucci sempre più animalista: no anche alla lana d'angora
Gucci (Foto Instagram)

Non solo pellicce. Continua la svolta animalista di Gucci, che ora dice basta anche alla lana d'angora.

Con la sua ultima decisione animal-friendly, la maison si unisce ad altre società come Calvin Klein, Ralph Lauren, Anthropologie, Asos, BCBG Max Azria e Gap che hanno bandito la pelliccia e l'angora dalle rispettive collezioni.

Soddisfatta la PETA secondo cui Gucci è uno dei 330 marchi che hanno detto basta a questo tipo di lana. La speranza è che una tale prese di posizione indirizzi le politiche anche di altri marchi vista l'influenza del direttore creativo, Alessandro Michele, nel settore della moda.

Il marchio italiano è più in linea con la filosofia di Stella McCartney, sempre del gruppo Kering, che ha a lungo evitato l'uso di pellicce e pellami. Una portavoce della PETA ha detto he il gruppo sta sollecitando Kering a vietare l'angora in tutti i suoi marchi e ai rivenditori come Nordstrom a seguirne l'esempio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guccianimalistipellicceangora
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.