A- A+
Cronache
Aeroporti che dichiarano guerra al mondo digitale

Oggigiorno i viaggiatori via mare, terra o cielo, devono essere collegati quasi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 se ossessionati, e 8 ore al giorno per 7 giorni la settimana per le persone normali. In ogni caso, gli apparecchi per i collegamenti devono essere necessariamente ricaricati ed anche frequentemente. Per fortuna, le compagnie di trasporto, incluse quelle aeree, soddisfano questa esigenza fornendo prese elettriche e servizio Wi-Fi sui loro mezzi.

Il problema è che gli scali, e gli l'aeroporti in particolare, siano questi negli Stati Uniti o in Europa, non si sono ancora pienamente resi conto che viviamo in un'era digitale e quindi non forniscono prese elettriche e adeguate coperture Wi-Fi.

È possibile che gli aeroporti ed altri scali, siano progettati da architetti che viaggiano in elicottero, yacht ed aereo privato e quindi, non usando voli di linea, non sono consapevoli della necessità di ricaricare telefonini, computer e tablet negli aereoporti.

Ad esempio, al Terminal 4 dell'aeroporto JFK di New York City, le uniche prese elettriche si trovano nelle zone che il personale addetto alle pulizie usa per gli aspirapolvere. Al T2 dell'aereoporto LAX di  Los Angeles, i passeggeri che non hanno accesso alla Sala VIP, devono andare al secondo piano e cercare le poche prese elettriche sulle pareti (vedi foto). Idem per il Terminal H dell'aereoporto MIA di Miami, dove molte delle poche prese sui muri sono danneggiate.

Dom Serafini T2LAX
 

Viaggiando in Europa si raggiunge l'apice della mancanza di considerazione per l'era digitale all'aereporto MXP di Milano, dove l'unica presa elettrica che questo giornalista ha trovato al Terminal B era quella vicina alle toilettes (vedi foto). Ma questo giornalista deve contenere i suoi commenti su MXP visto che, quando in passato aveva fatto una pragmatica osservazione a riguardo, era stato citato dal gestore dell'aereoporto per diffamazione, assieme al giornale in cui era apparso l'articolo (CorriereAdriatico).

A Londra, al'LGW di Gatwick non ci sono prese elettriche in quanto l'aereoporto é praticamente un centro commerciale con alcune porte d'imbarco.  

Per finire questa breve "presa" di posizione, a Nizza i passeggeri che entrano nell'aeroporto NCE sono accolti da una situazione che ricorda il Canto Terzo di Dante: La porta dell'inferno, "Lasciare ogni speranza, voi ch'entrate", giacché di prese elettriche per la ricarica non ce n'é nemmeno l'ombra!

Tags:
aeroportimondo digitale
Loading...
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Soldi, riforme e opere Conte promette di tutto

Coronavirus vissuto con ironia

Soldi, riforme e opere
Conte promette di tutto

i più visti
in vetrina
Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima

Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike

Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.