A- A+
Cronache

C'è un altro killer in fuga grazie a un permesso premio. A sole 24 ore dal caso Gagliano, Pietro Esposito, 47 anni, pentito di camorra accusato di due omicidi, non è rientrato da un permesso premio di 8 ore al carcere di Pescara.

Esposito è finito in carcere per essere stato complice di due omicidi: l'ultimo è quello di Gelsomina Verde - nel 2004 - una giovane di 23 anni torturata e uccisa nella faida di Scampia. Per quel delitto aveva appena finito di scontare una pena a 6 anni di reclusione. Ora era in carcere per scontare un'altra di una lunga serie di condanne, questa volta per evasione. E proprio a lui il giudice di sorveglianza di Pescara Maria Rosaria Parruti aveva concesso un permesso premio di 8 ore il 14 dicembre scorso. Quando non è rientrato è scattato l'allarme. Ora la polizia penitenziaria e la squadra mobile di Pescara stanno battendo a tappeto la città. Ed è scattata la caccia all'uomo..

Tags:
killerfugaevasione
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.