A- A+
Cronache
Bari, detenuto cerca di evadere ma sbaglia strada e torna in carcere
Carcere

Bari, detenuto cerca di evadere approfittando di una visita in ospedale di un altro carcerato ma fa un errore e si ritrova di nuovo all'interno della struttura dove viene fermato

Un detenuto straniero ieri ha cercato di evadere dal carcere di Bari ma la fuga è durata pochissimo. L'uomo, come racconta Dagospia, invece di fuggire dal muro di cinta ha sbagliato strada ed è rientrato nella struttura dagli uffici della direzione. Federico Pilagatti della segreteria nazionale del Sappe, il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziari, sottolinea come la notizia possa sembrare "una barzelletta" ma anche che confermerebbe "problemi di sicurezza legati alla carenza di personale penitenziario".

Leggi anche: Carceri: nuova rivolta di detenuti al Beccaria

Il detenuto, "approfittando del fatto che l'agente che sorvegliava quel posto era stato dirottato all'accompagnamento urgente 'farlocco' di un altro detenuto in ospedale,  - aggiunge il sindacalista - si è prima arrampicato sul muro dell'area dedicata ai passeggi superandolo", ma "invece di dileguarsi è arrivato dritto negli uffici della Direzione dove gli agenti lo hanno bloccato e riportato all'interno dei reparti detentivi".

Leggi anche: Salvini: "Al carcere Beccaria arriveranno più agenti, stanziati 35 milioni per le carceri"

Il sindacato riporta che un detenuto dell'area Alta Sicurezza "sarebbe stato visitato dal dentista, il quale ha richiesto l'accompagnamento urgente in ospedale dello stesso dopo aver rilevato la perdita di un dente". L'uomo è stato poi trattato con codice verde con "i poliziotti hanno dovuto attendere ore prima di ritornare in carcere". Pilagatti quindi si chiede come sia possibile "che nessuno si preoccupa del fatto che se un detenuto esce dal carcere per motivi sanitari anche quando non dovrebbe, oltre che violare una legge dello Stato, si mette in grave rischio la sicurezza del carcere e della cittadinanza".

"La polizia penitenziaria - conclude Pilagatti - non è più disposta a fare da agnello sacrificale per le responsabilità di altri".

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.