A- A+
Cronache
Cirio al posto di Moro con la bandiera delle BR: la Digos sequestra volantini

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio al posto di Aldo Moro, con la bandiera delle Brigate Rosse alle spalle e la scritta 'I cosplayer che vogliamo': è l'immagine riportata su alcuni volantini sequestrati dalla Digos di Torino, che sta cercando di risalire agli autori. Stamattina erano stati sequestrati altri manifesti riportanti la scritta "La mafia del Tav siede in prefettura, questura e tribunale: smascheriamo i membri della cupola, accusiamo gli accusatori!" e le fotografie del prefetto Claudio Palomba, del questore Giuseppe De Matteis, del dirigente Digos Carlo Ambra, del procuratore generale Francesco Enrico Saluzzo, dei magistrati Nicoletta Quaglino e Manuela Pedrotta e del presidente del tribunale di sorveglianza di Torino Marco Viglino.

"I volantini apparsi vicino al centro sociale Askatasuna", rileva l'assessorato regionale alla Sicurezza in una nota, "non sono una bravata o uno scherzo di cattivo gusto ma un messaggio preoccupante lanciato da chi vuole alzare la tensione nel Paese".

Cirio: “Solidarietà bipartisan”

È una solidarietà bipartisan quella che scatta intorno al governatore del Piemonte, Alberto Cirio. "Mi auguro che gli inquirenti facciano tempestivamente luce sul caso e che i responsabili siano individuati e puniti perchè questa gente è indegna dell'Italia e del popolo italiano", dice la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.

Dal Pd è Enrico Borghi, della presidenza del gruppo alla Camera, a dire che "il volantino che ritrae Alberto Cirio come Aldo Moro durante la sua prigionia nelle mani delle Brigate Rosse è ignobile e frutto di un atto che lascia sgomenti". "Desidero esprimere la più ferma condanna degli autori e la vicinanza dei deputati democratici al presidente della Regione Piemonte, insieme all'auspicio - sottolinea - che le forze inquirenti e di polizia facciano al più presto luce su questa vicenda".

"Le vergognose intimidazioni rivolte ad Alberto Cirio non fermeranno il suo lavoro. I cittadini di Torino e del Piemonte sanno riconoscere le persone per bene e prendere le distanze da chi predica violenza. Coraggio Alberto, non sei solo", scrive invece su Twitter Mara Carfagna, vicepresidente FI della Camera. Si dice "vicino all'amico fraterno Alberto Cirio", sempre su Twitter il vicepresidente FI, Antonio Tajani. "Le minacce di morte dei simpatizzanti delle Brigate Rosse non lo spaventeranno. Lo incoraggeranno a fare ancor di più per il suo Piemonte", assicura. "Solidarietà al governatore della Regione Piemonte Cirio, vittima di una spregevole e indegna intimidazione", arriva anche da Mariastella Gelmini. "La politica è dibattito, dissenso, confronto anche acceso, ma non può mai scadere in azioni indecenti e minacciose come quella di Torino. Forza Alberto, avanti, con più convinzione di prima", conclude la capogruppo FI alla Camera.

Commenti
    Tags:
    cirioalberto cirioaldo morobrigate rossedigosvolantini
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

    Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?





    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

    Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.