A- A+
Cronache
Cnel mobbizza il capo della segreteria, condannato. La sentenza su Affari

Cnel, il Tar Lazio condanna il Consiglio Nazionale dell’economia e lavoro (CNEL) per il silenzio-rifiuto

Con la sentenza del 20 aprile 2023 n. 10128 il Tar Lazio ha accolto il ricorso ex art. 116 c.p.a. proposto dalla dott.ssa Maria Rosaria Ciafrone, funzionario della Corte dei conti di Roma, in comando presso il Cnel con funzioni di Capo Segreteria generale.

SCARICA E LEGGI IL PDF CON LA SENTENZA COMPLETA 

La ricorrente, avendo riscontrato a fine luglio 2022 dal suo cedolino la mancata erogazione dell’indennità di segreteria, assegnatale con determina n. 550 del 7 marzo 2022 del Segretario generale del Cnel Mauro Nori, al fine di assumere una completa informazione sulla posizione dell’Ente anche nei confronti di altri dipendenti, con una prima istanza di accesso, trasmessa il 19 luglio 2022, chiedeva copia dei provvedimenti con i quali sono state erogate le indennità ai funzionari del Cnel dal 2018 al 2022, anche in comando, fondando la propria istanza sull’esigenza di tutelare e difendere presso ogni sede i propri diritti.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cnelmagistratura
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


in vetrina
Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina

Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina





motori
Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.