A- A+
Cronache
Forte esplosione nello stabilimento Bayer di Leverkusen. VIDEO

Germania, feriti a Leverkusen: allerta sostanze chimiche aria

Ci sono almeno 16 feriti, di cui alcuni gravi, e almeno un morto provocati dall'esplosione nell'inceneritore del parco chimico Chempark nella città tedesca di Leverkusen. Il parco ospita, insieme ad altre aziende chimiche, anche lo stabilimento dell'azienda farmaceutica Bayer. Le autorità hanno lanciato l'allarme di pericolo per sostanze chimiche nell'aria e invitato la cittadinanza a rimanere a casa con porte e finestre chiuse.

L'incendio ora minaccia di estendersi al serbatoio vicino che contiene 100.000 litri di liquido infiammabile, provocando una seconda esplosione. Lo riporta il quotidiano locale Koelner Stadtanzeiger. Un portavoce dell'azienda responsabile dell'impianto, Currenta, ha detto a Bild che " il contenuto del serbatoio era costituito da solvente". 

Esplosione nell'impianto Bayer di Leverkusen

Forte esplosione nell'impianto chimico della Bayer a Leverkusen, nell'ovest della Germania. Lo riferiscono i media tedeschi, che pubblicano le foto di un'enorme colonna di fumo, che si eleva per centinaia di metri sull'impianto del conglomerato agrobiofarmaceutico tedesco Bayer, con la popolazione invitata a chiudere le finestre e a restare in casa. Non si sa ancora se ci sono vittime o feriti.

Testimoni parlano di una forte esplosione in un impianto chimico nella città tedesca di Leverkusen, che ha sollevato nell'aria una grande nuvola nera. Secondo gli operatori del sito di Chempark a Leverkusen, a circa 20 chilometri a nord di Colonia sul fiume Reno, hanno affermato che la causa dell'esplosione non è chiara: come riporta l'agenzia LaPresse, sono stati schierati vigili del fuoco e furgoni per il rilevamento dell'inquinamento ma non è stato possibile contattare immediatamente la polizia per ulteriori dettagli.

Il quotidiano Koelner Stadt-Anzeiger ha riferito che l'esplosione è avvenuta nel quartiere di Buerrig in un impianto di incenerimento dei rifiuti. Leverkusen è anche la sede della Bayer, una delle più grandi aziende chimiche tedesche, ma non è chiaro se lo stabilimento interessato è proprio quello.

La detonazione, le cui cause rimangono da chiarire, è avvenuta, riporta l'agenzia Nova, nell'inceneritore per rifiuti speciali del distretto di Buerrig, gestito dall'operatore del parco chimico Currenta. Le strade di accesso al sito sono state bloccate dalla polizia, come le autostrade A1 e A59. Le forze dell'ordine hanno ordinato alla cittadinanza di rimanere nelle proprie abitazioni, tenendo chiuse porte e finestre a causa dell'estremo pericolo per la nube tossica. Intanto, i vigili del fuoco sono giunti in forze presso l'inceneritore di Buerrig per spegnere le fiamme. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bayern leverkusenesplosione
    in evidenza
    E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

    Corporate - Il giornale delle imprese

    E-Distribuzione celebra Dante
    Il Paradiso sulle cabine elettriche

    i più visti
    in vetrina
    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%





    casa, immobiliare
    motori
    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.