A- A+
Cronache
"I bimbi non possono avere due mamme", clamoroso stop della procura di Padova

Padova, decisione choc della Procura: impugnati 33 atti di nascita di bimbi figli di due donne

La Procura di Padova ha deciso di impugnare 33 atti di nascita risalenti al periodo dal 2017 a oggi, tutti gli atti relativi alla nascita di figli di due donne che il sindaco, Sergio Giordani, ha registrato in questi anni. Secondo la Procura, che ad aprile aveva raccolto la documentazione dal Comune e ora sta procedendo con la notifica degli atti, è illegale infatti registrare un bambino nato da due donne: per questo, la richiesta ai giudici è che l'atto di nascita sia corretto e si cancelli il nome della madre non biologica. Eliminando, se necessario, anche il cognome della mamma "rimossa".

LEGGI ANCHE: Maternità surrogata, via libera della Commissione: sarà reato universale

Il caso più vecchio risale al 30 agosto 2017, si tratta di una bambina che a breve compirà sei anni. Gli inquirenti chiedono che le venga tolto il cognome della "seconda madre" e l'unico genitore riconosciuto resti la donna che l'ha partorita. Per questa famiglia, l'udienza si terrà il 14 novembre. Il rischio è che la bambina si ritrovi ad avere un solo genitore, a livello legale, cosa che potrebbe portare a una serie di forti complicazioni: nell'immediato, basta pensare alle firme necessarie per la scuola e per tutte le altre pratiche, anche in campo medico.

Niente ha fermato la procuratrice aggiunta Valeria Sarzani, che ha sostenuto: "Va contro le leggi, e i pronunciamenti della Cassazione, un atto di nascita registrato con due mamme". La sentenza a cui fa probabilmente riferimento la procuratrice, però, è quella del 30 dicembre 2022: si riferiva a una coppia di uomini, stabilendo che solamente il padre biologico poteva essere registrato come genitore. In casi simili, la Cassazione ha rimandato come unica soluzione quella di adottare il figlio. Soluzione che, secondo la Procura di Padova, sarebbe l'unica da seguire anche in questi casi.

LEGGI ANCHE: Coppia gay e maternità surrogata, Cassazione: solo padre biologico è genitore

La sentenza della Cassazione, però, aveva anche chiesto che il Parlamento intervenisse, per fare chiarezza sulle leggi che riguardano i figli di coppie omosessuali e in generale i figli nati con procedure di fecondazione assistita. "Il legislatore è rimasto finora inerte. Il monito giace inascoltato", si leggeva nel testo. Nel frattempo, il giudice "non può lasciare i diritti del bambino indefinitamente sospesi, ma deve ricercare nel complessivo sistema normativo l’interpretazione idonea ad assicurare, nel caso concreto, la protezione dei beni costituzionali implicati, tenendo conto delle indicazioni ricavabili dalla citata sentenza della Corte costituzionale".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
coppie omosessualifigligaypadova
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.