A- A+
Cronache
Insalate e verdure in busta, nuove regole nei supermercati
Entrano in vigore da giovedì 13 agosto le nuove regole sulla preparazione, il confezionamento e la distribuzione dei prodotti ortofrutticoli di IV gamma, ossia quei prodotti freschi pronti per il consumo, come le insalate in busta, i preparati da cuocere per minestroni o contorni, le macedonie in vasetto.
 
Lo ricorda l'Unione nazionale consumatori (Unc), che chiede alle autorità competenti di fare controlli a tappeto per verificare la corretta applicazione delle nuove regole e invita i consumatori a segnalare eventuali anomalie e irregolarità all'indirizzo email: segnalazioni consumatori.it.
 
Le norme, a tutela del consumatore sono state introdotte dal decreto attuativo (decreto del 20 giugno 2014) dell'articolo 4 della legge n. 77 del 2011.
 
Tra i nuovi obblighi, quello di mantenere i prodotti ortofrutticoli a una temperatura inferiore a 8°C. Questo vuol dire, avverte l'Unc, che in alcuni supermercati e negozi non attrezzati con frigoriferi adatti, le insalate pronte potrebbero sparire, almeno nel breve periodo. "Sono prodotti che si sono affermati sul mercato per la loro comodità e praticità, anche se, ovviamente, queste qualità si pagano. Le nuove disposizioni sono un passo avanti in materia di sicurezza alimentare e verso la trasparenza e la corretta informazione del consumatore", dichiara Agostino Macrì, responsabile dell'Area sicurezza alimentare dell'Unione nazionale consumatori. "Un rafforzamento delle sue tutele, anche se alcune previsioni potranno comportare un aumento dei costi"», aggiunge.  
 

Di seguito le principali nuove regole che entrano in vigore a partire da domani 13 agosto e che il consumatore può e deve controllare:

1) Nei supermercati e nei negozi i  prodotti ortofrutticoli di IV gamma dovranno essere mantenuti ad una temperatura inferiore a 8°C.

2) E’  consentita l’aggiunta di ingredienti di origine vegetale non freschi o secchi, ma in quantità non superiore al 40% del prodotto finito.

3) Sulla confezione dovranno essere riportate, “in un punto evidente dell’etichetta, in modo da essere facilmente visibili e chiaramente leggibili“:

a) “prodotto (oppure il tipo di prodotto, ad es. insalata) lavato e pronto per il consumo“, o “prodotto lavato e pronto da cuocere“;

b) le istruzioni per l’uso per i prodotti da cuocere;

c)  la  dicitura: “conservare in frigorifero a temperatura inferiore agli 8°C“;

d) la dicitura: “consumare entro due giorni dall’apertura della confezione e comunque non oltre la data di scadenza“, a meno che il prodotto è da cuocere nella confezione integra. Non ci saranno più equivoci, insomma, sulla durata dell’insalata una volta aperta la confezione.

Si ricorda, comunque, che i prodotti etichettati o immessi in commercio non conformi alle nuove disposizioni possono essere commercializzati fino a esaurimento delle scorte e, quindi, almeno per alcune di queste regole, come per l’etichettatura (ma non per la conservazione a -8° C), potrebbe esserci ancora qualche giorno di tolleranza, al massimo fino al 20 agosto, prima che scattino le sanzioni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
insalateverdurebustasupermercati
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza





casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.