A- A+
Cronache
Lecce, il killer di Noemi fermato in auto ubriaco. Era in permesso premio
I funerali di Noemi Durini

Condannato a 18 anni e 6 mesi, guida ubriaco in permesso premio

Nel 2017 ha ucciso la fidanzata da minorenne. Sei anni dopo è già in permesso premio e viene trovato ubriaco alla guida di un auto. E prova anche a scappare, prima in auto e poi a piedi al controllo della polizia. È la vicenda di Lucio Marzo, 24 anni, che è stato inseguito e bloccato a Cagliari durante un permesso dalla detenzione, concesso per lavorare in un negozio.

Nel 2017 quel ragazzo, ricorda la Stampa, "aveva confessato di aver ucciso la sua fidanzata, Noemi Durini, di soli 16 anni. È stato condannato in via definitiva a 18 anni e 8 mesi per l’omicidio commesso nelle campagne del Salento. La pena nel carcere minorile di Quartucciu, in Sardegna. Aveva 17 anni all’epoca dei fatti. Su sua richiesta, gli è stato consentito di svolgere un’attività lavorativa, ma con divieto di condurre veicoli a motore. Gli agenti giovedì lo hanno anche trovato positivo all’etilometro ed è scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza".

L'omicidio è avvenuto quasi esattamente 6 anni fa. E lo rievoca la Stampa: "Noemi era stata aggredita, picchiata e lasciata agonizzante sotto un cumulo di pietre. Una morte atroce, tra gli ulivi di Castrignano del Capo, nel Leccese".

La mamma di Noemi: "Il permesso premio un insulto a mia figlia"

La mamma della vittima si sfoga sempre su la Stampa: "Sta succedendo quello che mi aspettavo. Lucio non ha capito la gravità di quello che ha fatto. È vomitevole sentire e leggere “permessi premio”. Cose del genere non si danno nemmeno ai bambini. A un figlio devi dare educazione, regole, far capire la necessità di comportarsi bene per se stesso e per gli altri, non per avere un premio in cambio. A scuola non bisogna dire “studia perché sarai premiato”, ma far capire che è un dovere farlo. E non è una mancata comprensione degli errori. Se a causa della mia distrazione urto un passante per strada commetto un errore, quando si toglie la vita a un’altra persona non è un errore. È un reato grave, è violenza. Ormai si concede tutto».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
killerleccenoemi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce

MediaTech

Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce


in vetrina
Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League

Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League





motori
Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.