A- A+
Cronache
Va in caserma col cadavere della moglie: "L'ho uccisa io". Orrore a Modena

Modena, va dai carabinieri con il cadavere della moglie nel furgone e confessa: "L'ho uccisa io". Arrestato

E' stato arrestato per omicidio aggravato un 48enne che ieri, in tarda serata, si è presentato al Comando provinciale dei carabinieri di Modena dichiarando di avere trasportato il cadavere della moglie in un furgone. Ne dà notizia la procura cittadina. La donna, una 40enne italiana di origine russa, era nel bagagliaio e aveva il capo coperto da un sacchetto nero di plastica stretto al collo con un filo elettrico plastificato. Rimosso il sacchetto, è stata trovata una cintura stretta intorno al suo collo. L'uomo aveva parcheggiato il furgone all'esterno della struttura militare e si era rivolto al carabiniere in servizio. Il personale specializzato dell'Arma ha aperto il veicolo, "con modalità idonee a non compromettere le fonti di prova", sottolinea la procura, constatando la presenza nel bagagliaio del cadavere della moglie rannicchiato. E' poi intervenuto il medico legale per il sopralluogo. L'uomo è stato arrestato "quasi in flagranza di reato" sulla base delle fonti di prova acquisite e portato in carcere, in attesa dell'udienza di convalida davanti al gip.

LEGGI ANCHE: Omicidio Pierina, stop ad accertamenti sul Dna. Le telecamere inguaiano Louis

Dalle prime indagini è emerso che la vittima aveva avviato davanti all'autorità giudiziaria di Innsbruck (Austria) una procedura per regolamentare l'affidamento prevalente dei due figli minori e l'esercizio del diritto di visita. Il 17 maggio 2023 era stata decisa la collocazione prevalente nell'abitazione della madre e il diritto di visita del padre. A gennaio 2024, il marito aveva fatto ricorso al tribunale civile di Modena per separazione con addebito a carico della donna, contestando la giurisdizione austriaca. Il tribunale modenese, informa la procura, "ritenendo di non dover assumere provvedimenti temporanei urgenti, essendoci già una decisione di un giudice straniero comunitario, decisione riconoscibile in Italia", ha assunto "la causa in decisione a maggio 2024 sulla questione preliminare della giurisdizione (cioé sulla competenza territoriale)". A febbraio di quest'anno la vittima aveva presentato un'altra istanza al tribunale di Innsbruck, per ottenere l'affidamento esclusivo dei due figli.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

Guarda il video

Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini





motori
Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.