A- A+
Cronache
Muti rifiuta di togliere "negri" da un’opera di Verdi: "Non era razzista"

Il maestro Riccardo Muti si rifiuta di togliere la parola negri da un’opera di Verdi: “Non era razzista”

"Ho voluto lasciarla perché cambiare il testo non cambia la Storia, mentre conoscerla nella sua crudeltà è importante per le nuove generazioni". Lo dice il maestro Riccardo Muti, che alla guida della 'sua' Chicago Symphony Orchestra ha diretto 'Un ballo in maschera' di Giuseppe Verdi in forma di concerto proprio nella metropoli dell'Illinois giovedì scorso, lasciando invariata la celebre frase del libretto in cui un giudice definisce l'indovina Ulrica "dell'immondo sangue dei negri", che invece in diversi teatri è stata modificata in nome del politicamente corretto.

"L'ho fatto - spiega l'80enne direttore d'orchestra napoletano - perché Verdi non è un razzista e quella frase disumana, in bocca al personaggio del giudice, è per denigrare lui, non la maga 'nera' a cui è rivolta, che viene difesa dagli altri nella stessa scena. Verdi era una persona di grande moralità, oltre che un grande musicista, voleva attaccare la legalità cieca, non i neri.

Quando l'ho spiegato, ho chiesto al tenore Lunga Eric Hallam se si sentisse disturbato a cantare la frase. Lui, sudafricano, nero, mi ha detto: 'Maestro, no problem'". Nel cast il tenore Francesco Meli, il baritono Luca Salsi, il soprano Damiana Mizzi, Joyce El-Khoury, Yulia Matochkina, Alfred Walker, Kevin Short, Ricardo José Rivera, Lunga Eric Hallam, Martin Luther Clark. Un evento anche perché il 'Ballo' è l'ultima opera che Muti esegue da direttore musicale, visto che il suo incarico alla Chicago Symphony terminerà nel giugno 2023 con la Messa solenne di Beethoven, anche se già si parla di impegni.

Muti punta il dito contro la 'cancel culture' e il politicamente corretto: "Noi dall'America importiamo soprattutto le cose negative. È come camminare sulle uova - dice in un'intervista al Corriere della Sera - devi stare attento a non dire questo e quello, ogni riferimento anche vago può insospettire, offendere, essere usato contro di te. Sono contrarissimo ai teatri che si fanno il make up e cambiano le parole dei libretti. La storia non puoi cambiarla, va tenuta nella sua essenza, nel bene e nel male, perché le prossime generazioni possano sapere. Non aiutiamo i giovani in quel modo, anzi...".

Quanto a Verdi, compositore da lui particolarmente amato, Muti ricorda la vicenda che vede protagonista in questi giorni "la sua casa di Sant'Agata" dove "tutto è come lui l'aveva lasciata, ed è messa all'asta. Una vergogna che il governo non intervenga. Dovrebbe essere un museo. È dell'autore più eseguito al mondo", chiosa a Repubblica il direttore d'orchestra napoletano, che ha da poco festeggiato 52 anni di matrimonio con la moglie Cristina: "Una bella cosa, sì, a partire dai figli che hanno visto il padre sempre dietro un pianoforte a studiare. Ma questo mi ha permesso di essere libero. Io non sono mai stato coi comunisti, coi democristiani, coi massoni come mi hanno accusato. Mai avuto appartenenze. La mia carriera l'hanno fatta le orchestre", conclude.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    mutinegrirazzismoverdi
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo

    Cronache

    Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo

    
    in vetrina
    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire





    motori
    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.