A- A+
Cronache
Omicidio Macerata, la procura: "Pamela è stata violentata da Oseghale"

Nuove accuse dalla procura di Macerata per Innocent Oseghale. Secondo i pm, il 29enne nigeriano e' coinvolto in prima persona nell'omicidio di Pamela Mastropietro, la 18enne romana uccisa e fatta a pezzi a febbraio, e, prima della sua morte, l'avrebbe "costretta ad avere un rapporto sessuale completo". Nuovi elementi, che pesano come macigni, emersi questa mattina nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il procuratore capo di Macerata, Giovanni Giorgio, il comandante provinciale dei carabinieri, Michele Roberti, e il comandante del reparto operativo dell'Arma, Walter Fava. Le accuse della procura, pero', non convincono completamente il gip del tribunale maceratese, Giovanni Maria Manzoni, il quale ha accolto solo parzialmente la nuova richiesta degli inquirenti, disponendo la misura cautelare in carcere per il nigeriano per concorso in omicidio, oltre che per occultamento di cadavere, ma non per violenza sessuale. Una decisione sulla quale la procura valutera' se ricorrere.

Gli inquirenti si erano convinti da subito del coinvolgimento diretto di Oseghale, tanto da aver chiesto per lui il carcere per i reati di omicidio, vilipendio e occultamento di cadavere, ma la piu' grave delle accuse era caduta di fronte al gip, proprio in attesa dei rilievi effettuati dal Ris dei carabinieri, che evidentemente hanno portato piu' certezze a quelle che erano le prime conclusioni e che, secondo la procura, sono ora sostenute anche da diverse intercettazioni ambientali e telefoniche.

Nella ricostruzione dell'accusa, nell'appartamento di via Spalato 124 a Macerata, Pamela ha rifiutato di avere un rapporto sessuale con Oseghale, il quale ha abusato di lei e l'avrebbe successivamente stordita, uccisa e fatta a pezzi per cancellare le prove della violenza sessuale e dello spaccio di eroina. Una tesi che non ha convinto completamente il gip, per il quale Oseghale avrebbe commesso l'omicidio perche' la 18enne romana si era sentita male dentro la casa, ma che non ha impedito al magistrato di firmare la richiesta di nuova misura cautelare per concorso in omicidio. Si tratta del terzo provvedimento restrittivo per il nigeriano, che nei giorni scorsi era stato raggiunto, nella sua cella ad Ascoli Piceno, da un provvedimento analogo anche per lo spaccio di droga.

Tags:
omicidio pamelapamela oseghaleoseghale omicidio pamela
Loading...
in vetrina
DILETTA LEOTTA, BIKINI E LATO B MOZZAFIATO: LE FOTO PAPARAZZATE

DILETTA LEOTTA, BIKINI E LATO B MOZZAFIATO: LE FOTO PAPARAZZATE

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Ipotesi plexiglass in spiaggia Greta: "Me volete fa inc...?"

Coronavirus vissuto con ironia

Ipotesi plexiglass in spiaggia
Greta: "Me volete fa inc...?"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Jeep® Compass: con il tricolore nel DNA

Nuova Jeep® Compass: con il tricolore nel DNA


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.