A- A+
Cronache

di Antonino D'Anna

wojtyla bergoglio

Sono passati otto anni da quelle 21.37 del 2 aprile 2005 quando ebbe termine il pontificato di Karol Wojtyla, Giovanni Paolo II. Un papato lungo, durato quasi 27 anni e che ha inciso non poco sulla storia e la vita della Chiesa. Che ha avuto innumerevoli pregi e anche qualche difetto dovuto in parte all'eccessiva durata della missione che gli eminentissimi signori cardinali, com'ebbe a dire loro Wojtyla la sera del 16 ottobre 1978, gli avevano affidato. Quella di essere “vescovo di Roma”, come si presentò quella sera romana di tanti anni fa dalla Loggia delle Benedizioni.

“BOTTIGLIA” E IL PAPA NERO- In effetti, in quella serata ottobrina, non furono pochi i romani che all'annuncio del nome del nuovo Pontefice strabuzzarono gli occhi. Uno dei primi commenti che circolò per Piazza San Pietro non appena il cardinale protodiacono Pericle Felici ebbe pronunciato il suo cognome, fu: “Hanno eletto il Papa nero”. Invece il Papa era bianco, di bella presenza, ottima salute fisica e relativamente giovane per i 58 anni compiuti nel maggio precedente. A dire il vero, chi fosse Wojtyla non l'aveva capito nemmeno un cardinale latinoamericano, il quale non capendo il nome del candidato alla successione ad Albino Luciani, iniziò a tempestare i confratelli chiedendo ai vicini: “Ma chi è questo Bottiglia?”. Quando poi Wojtyla venne eletto e all'anziano porporato toccò andare a riverire il nuovo Papa, Giovanni Paolo II così gli si rivolse: “Ecco, spero che ora abbia capito chi è Bottiglia”.

IL NON ITALIANO- Bisognava pure capirli, cardinali e fedeli. Era il primo straniero a sedere sul Trono di Pietro dopo 450 anni, e peraltro – a parte il Concilio Vaticano II chiusosi nel 1965 – si era da secoli abituati a pensare all'idea di un Papa necessariamente italiano. Pio IX aveva perso lo Stato Pontificio, Leone XIII aveva dovuto vivere gli anni duri della Questione Romana; Pio X (oggi Santo) l'ingresso dei cattolici in politica; Benedetto XV l'inutile strage tra le guerre; i due Pii (XI e XII) il periodo prebellico e poi, dopo la Seconda guerra mondiale, la lotta al comunismo. Per non parlare di Giovanni XXIII, che pure aveva impresso una svolta più spirituale al suo papato, e Paolo VI mai a fondo compreso e amato dalle masse oltre alla meteora Giovanni Paolo I. Quel secondo Conclave del '78 si era peraltro aperto tra le polemiche, quando il grande favorito Giuseppe Siri venne affondato da un'intervista pubblicata poco prima dell'elezione papale, giusto a tempo perché i confratelli sapessero delle sue idee in tema di Concilio e mondo moderno. Per il (si dice) due volte eletto Gregorio XVII e due volte invitato a rinunziare, il colpo del ko; fu duello, sì, con Giovanni Benelli allora arcivescovo di Firenze e naturaliter indicato a succedere già a Paolo VI. Ma il duello si concluse con gli italiani spaccati e l'elezione di Wojtyla. Fu la fine di una tradizione secolare (e qualcosa è rimasto anche nel 2013, a giudicare da qualche commento su Twitter in cui qualche fedele o sedicente tale si diceva un po' deluso per l'ennesima – la terza – elezione di un non italiano).

LA CHIESA SPROVINCIALIZZATA O POLONIZZATA?- Ma non importa. A Giovanni Paolo II bisogna riconoscere il merito – enorme – di aver proseguito su quella linea di pastore in giro per il mondo che Paolo VI aveva avviato nel 1964, andando in visita in Terrasanta a Concilio aperto. Il Papa polacco scelse di essere meno Pietro e più Paolo, più viaggiatore in missione per conto di Dio, che dedito al governo della Chiesa (e ai maneggi curiali, dai quali – va detto – si tenne fuori. E fu anche un limite di quel pontificato). All'inizio ebbe modo però di lasciare perplessi i fedeli perché più volte nei suoi discorsi ritornava la natia Polonia, terra per la quale si stava impegnando e non poco perché raggiungesse la libertà. Ma gradualmente quest'uomo poliglotta, ex attore, capace di conquistare le folle con la voce profonda, il modo muscolare (nella prima fase del pontificato) di offrire la Chiesa e la capacità di incontrare tutti anche con gesti che mai si sarebbero associati alla figura papale (tipo sciare o nuotare), ebbe il modo di globalizzare la Chiesa. I km percorsi nel mondo con qualsiasi mezzo di trasporto, dalla Fiat Campagnola in Piazza San Pietro alle miglia in aereo passando per le prime papamobili nate dopo l'attentato del 1981, ne sono la prova. Ognuno è stato in qualche modo raggiunto di persona da Wojtyla, non solo presente in effigie ma soprattutto di persona dove necessario. Non sono mancate polemiche come la visita ad Augusto Pinochet nel 1987 o ai fratelli Castro a Cuba nel 1998: ma l'ansia missionaria di questo Papa lo ha portato dove i suoi predecessori non avrebbero mai sognato di presentarsi. Ricordiamo ai lettori che Giovanni Paolo II viene eletto nel 1978: vent'anni dopo la morte di un personaggio come Pio XII, anticomunista viscerale, che proprio contro il comunismo spiccò nel 1949 apposita scomunica (peraltro ancora in vigore). Il Papa polacco, che quel mondo conosceva, ebbe modo di domare dando un contributo fondamentale al crollo della Cortina di ferro dopo i coraggiosi, ma duri anni dell'Ostpolitik che piaceva tanto a Giovanni Battista Montini.

(Segue: Quali sono stati i limiti del papato wojtyliano? Ecco quando il Papa vedeva la Madonna...)

Tags:
wojtylaratzingerbergogliochiesavaticano
in evidenza
Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

GUARDA LE FOTO

Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.