A- A+
Cronache

Tra oggi e domani cessa di essere alimentato il cuore delle acciaierie. In bilico centinaia di posti di lavoro. La speranza di sindacati e lavoratori è ancora quella di tirare fino al 30 maggio - data della scadenza della procedura per l’acquisizione del gruppo Lucchini - con l’altoforno ancora in vita, anche con la produzione in bianco. Tenerlo acceso significa coltivare ancora delle piccole speranze per continuare con il ciclo integrato per la produzione dell’acciaio per un periodo indefinito, forse breve, forse lungo. Dipende da chi arriverà alla guida dello stabilimento.

Anche Papa Francesco ha espresso "fraternamente" la sua solidarietà e vicinanza agli operai della Lucchini di Piombino che si sono rivolti a lui con grande dolore davanti alla prospettiva di perdere il proprio lavoro. "A tutti i responsabili chiedo - ha detto all'Udienza Generale di oggi - di compiere ogni sforzo di creativita' e generosita' per riaccendere la speranza in questi nostri fratelli e in tutti i disoccupati a causa della crisi e dello spreco: per favore - ha scandito - aprite gli occhi e non rimanete con le mani incrociate".

Al termine dell'incontro a palazzo Chigi per evitare la chiusura dell'acciaieria, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha rivelato che esiste  "una bozza di accordo" per il polo industriale di Piombino. Alle 8.30 Rossi ha convocato sindacati e amministratori locali.  "Ci sono grossi passi avanti", continua il governatore che ringrazia "in modo particolare" il premier Matteo Renzi per il suo impegno sulla questione". 

 

Tags:
piombinolucchinialtoforno
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.