A- A+
Cronache
Ponte sullo Stretto di Messina, ecco quanto potrebbe costare
Ponte sullo stretto


Non sarà facile: chi oggi traghetta ogni giorno per lavoro a piedi o con mezzi leggeri paga pochi euro (4,50 euro andata e ritorno senza mezzi al seguito). Mentre, ad esempio, i messinesi che vivono nella parte bassa della città dovranno verosimilmente compiere delle circonvoluzioni urbane in auto abbastanza ampie per arrampicarsi sulle rampe che portano al ponte, laddove l’accesso alle navi risulterà più rapido e immediato, oltre che probabilmente più economico (ma poi dipenderà dalle politiche tariffarie per pendolari e residenti dell’area).

In ogni caso, per il ponte sullo Stretto servirebbe una analisi trasportistica indipendente dei costi e dei benefici che oggi non si scorge all’orizzonte. Francesco Ramella, economista dei trasporti e direttore esecutivo di Bridges Research, un think tank specializzato nelle politiche dei trasporti, ad Affaritaliani spiega: “Stiamo studiando l’opera e tutti i fattori in gioco. Non sembra essere un disastro come il Tav Torino-Lione o l’Av Salerno-Reggio Calabria, ma probabilmente i benefici non arrivano a coprire i costi. Si è passati da 10 a 15 miliardi in tre mesi e alla fine probabilmente il ponte porterà via non meno di 20 miliardi. Ma quell’opera non vale 20 miliardi, ne vale tra cinque e 10 in termini di benefici ambientali, sociali, economici e considerando tutte le possibili esternalità positive”. In ogni caso, aggiunge, “sul locale cambierà poco, non a caso il servizio navi rimarrà operativo”, infatti “il tempo di percorrenza più veloce di oggi in traghetto è di soli 25 minuti, se parliamo di aliscafo.

Ma il ponte non influirà molto nemmeno sul traffico passeggeri a lunga percorrenza: i viaggi aerei da Roma e dal nord Italia verso la Sicilia saranno ancora più veloci e meno costosi rispetto a quelli ferroviari”. Peraltro l’Alta velocità Salerno-Reggio farà risparmiare al massimo 40-45 minuti secondo alcune analisi trasportistiche e già oggi la linea opera con un livello di saturazione in media non superiore al 50%. Mentre chi si sposta in auto dal Centro-Nord in gran parte preferisce imbarcarsi a Genova, Civitavecchia o persino Napoli e Salerno.

Quanto costerà il pedaggio dell’eventuale mega-collegamento non è chiaro, però si possono azzardare stime sulle spese di manutenzione a regime. Di norma, gli esperti calcolano una media 500mila euro di costi annui per ogni chilometro di ponti o viadotti. In questo caso l’esborso si aggirerebbe tra 1,5 e 2 milioni di euro, ma considerando le peculiarità dell’area (forti venti, salsedine, fondali instabili, rischio sismico) e il fatto che si tratta di un attraversamento sia stradale che ferroviario, è probabile che la spesa si avvicini ai 3 milioni all’anno per mantenere il manufatto in piena sicurezza ed efficienza. Senza considera il numero di giornate nelle quali, per condizioni meteo avverse, il ponte rischia di rimanere chiuso.   

Iscriviti alla newsletter
Tags:
costiguadagnimessinapontestretto
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro

Con lui anche Ermotti, figlio dell'ad di Ubs

Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro


in vetrina
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso





motori
Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.