A- A+
Cronache
Cutolo, l'avvocato del boss: "Su di lui esasperazione giudiziaria"

“Ha pagato tanto negli ultimi anni, subendo una forma di esasperazione giudiziaria. È morto all'età di 79, con 40 di isolamento e 29 di 41Bis. Ultimamente le sue condizioni di salute, anche mentali, erano molto compromesse, confermare quindi il 41bis, come è avvenuto negli ultimi mesi, l'ho ritenuta una forma di esasperazione surreale.Il 41Bis è subentrato nel ‘92, ma era già isolato dal 1982. Di fatto, Cutolo, è stato tumulato vivo per 40 anni. Ho sempre parlato di esasperazione, non di accanimento. Esasperazione che sia ben chiaro, è un’altra cosa!

Quello che critico è che negli ultimi mesi, o anni, non c'erano più i presupposti per riconfermare tale trattamento, specialmente da quando ha avuto un peggioramento repentino delle sue condizioni di salute. Poco tempo fa, in ospedale, a Parma, si è ripresentata una polmonite con una setticemia e si è aggravato improvvisamente in questi giorni”.

E per la grazia?

“Non abbiamo mai chiesto grazie, ci mancherebbe altro che andassimo a chiedere la grazia al Presidente della Repubblica. Non c'erano i presupposti. La grazia non si può chiedere da parte di un detenuto per camorra sottoposto al 41 bis. Sarebbe stato un modo per offendere l'intelligenza del Presidente stesso.

La grazia si ottiene per reati isolati e avvenuti in certe circostanze.Un uomo condannato a 14 ergastoli che chiede la “clemenza” al Quirinale è poco più di una pagliacciata. Forse per i terroristi, perché hanno una legislazione diversa, ma non per camorristi, mafioso o ‘ndranghetisti.

Non abbiamo mai preteso atti di clemenza, abbiamo sempre invocato il rispetto della dignità. Non abbiamo mai chiesto nulla che non fosse previsto dalla legge, soltanto – e lo ripeto - rispetto della dignità, cosa che non abbiamo mai ottenuto. Almeno la revoca del 41 bis e dell'isolamento. Questo sì, lo abbiamo chiesto per almeno due o tre anni al Ministro della Giustizia e al tribunale di Roma. Tuttavia non posso parlare di accanimento. Ma di esasperazione di tipo giudiziaria che si poteva evitare. La parabola di Raffaele Cutolo è ormai giunta al termine”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    raffaele cutoloavvocato
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.